Tag "Adolescenza"

Fili invisibili tra presente e passato

È davvero da molto lontano che l’autore boliviano Rodrigo Hasbún presenta oggi, 16 maggio 2020, il romanzo Gli anni invisibili, ZUR, che si troverà presto in libreria nella traduzione di Giulia Zavagna. La storia è quella di alcuni adolescenti boliviani a metà degli anni ’90: durante l’ultimo anno di liceo, uno dei personaggi comincia una relazione sentimentale con la nuova professoressa di inglese e negli stessi giorni una sua compagna scopre di

240 battiti al minuto

“Non conta quanto ci hai messo a scrivere un libro, ma quanto c’è dietro”. Questo è il pensiero da cui nasce “240 battiti al minuto”, il nuovo libro di Daniel Di Schüler edito da Albe Edizioni. Narra la storia di una famiglia, composta da uno scrittore, una matematica, un ragazzo super sportivo e una ragazzina punk che cerca di creare una band, che accoglie in affido un bambino,  Amir, che ha vissuto

La fuga è solo uno spostamento fisico o si può fuggire restando dove si è?

La fuga. A pensarci bene, è quasi inevitabile ricordare che almeno in un momento della propria vita si è desiderato scappare. Fuggire da chi? Fuggire da cosa? Fuggire da dove? Gli autori del libro “La fuga” (Il Castoro) sono d’accordo nel sostenere che questo gesto o desiderio è spontaneo e naturale soprattutto negli anni dell’adolescenza. Ed è proprio ad un pubblico di questa età che si sono rivolti, ai ragazzi e alle ragazze arrivati al Salone del Libro

Joël Dicker e l’immaginazione

”La realtá  é il nemico mortale della finzione” é la regola di scrittura di Joël Dicker, autore svizzero affermatosi in italia grazie al suo primo romanzo La veritá sul caso Harry Queber nel 2012 con il quale ha vinto il Grand Prix du roman de l’Académie française. Il fondamento principale della scrittura di Dicker non é nulla di straordinario, egli ha semplicemente voluto adottare come proprio il punto di vista

Memorie Cristallizzate

In una piccola provincia tutti si conoscono, in una piccola provincia tutti si vedono ma non si guardano veramente. In una piccola provincia si consuma l’infanzia, i drammi, le violenze perpetrate sul corpo di Eva, l’omertà e il silenzio dei suoi persecutori, l’ignavia complice degli adulti. É una sorta di pentola a pressione dove si usano gli altri come materiali per sentirsi vivi. Eva subisce le violenze dei suoi unici amici,

L’ultimo faro

Nell’ Arena Bookstock  e’ stato presentato oggi il libro vincitore del premio Strega 2018 ragazze e ragazzi categoria +11: L’Ultimo Faro dell’ autrice Paola Zannoner. Si tratta di un romanzo corale che attraverso le diverse voci di quattordici ragazzi dai dodici ai sedici anni ci porta ad affrontare problemi adolescenziali, e non solo, come i disturbi alimentari, la timidezza, la paura, l’alcolismo, l’immigrazione e l’integrazione. L’autrice ha iniziato l’incontro, condotto

L’adolescenza è così drammatica?

Pordenone, 15 settembre 2017 L’americana Jennifer Niven presenta il suo ultimo romanzo, L’universo nei tuoi occhi, a Pordenonelegge, davanti ad un vasto pubblico di adolescenti. Nel dialogo con Federica Manzon, grazie anche al prezioso aiuto dell’interprete, svela il segreto del suo inaspettato successo con i romanzi: l’empatia. Si immedesima nei panni dei propri spettatori e personaggi riponendo in entrambi la massima fiducia; fa sentire stimato il lettore riuscendo a coinvolgere

La regola dei pesci

Cosa spinge dei semplici ragazzi a fuggire dalla realtà? A questa domanda prova a rispondere Giorgio Scianna nell’incontro tenuto al Salone del Libro, che lo ospita per la prima volta, in occasione della presentazione del suo nuovo romanzo “La regola dei pesci” (Einaudi). Quando a settembre riapre la scuola, i banchi dei quattro unici maschi della V C rimangono vuoti: dove sono spariti? Lorenzo riappare, ma non parla. Muto, come

Melvin Burgess

L’adolescenza è un’età difficile e, nello stesso tempo, meravigliosa: un momento affascinante della crescita durante il quale diventiamo quelli che saremo per tutta la vita passando attraverso una serie di esperienze e di prime volte. È  proprio dal mondo dell’adolescenza che trae ispirazione Melvin Burgess, autore tra gli altri di Storie d’amore e di perdizione, titolo originale Junk (Salani), Kill All Enemies, Innamorarsi di April, Il rogo (Mondadori) ,  Billy Elliott (Fabbri), tratto

La vita è una scelta: “Piena di Niente” è la guerra per le donne

Piena di niente. Paura. Impotenza. Niente. Piena di una vita, dentro di sé, che non si vuole. Di una vita distante. Estranea. Sconosciuta. Piena di niente. Vuota. Bloccata. Sola. La donna ha l’istinto di scappare, quando si sente in pericolo. La donna è spesso in pericolo. Il problema non è morire, ma nascere. Le prime parole, scritte sulla prima pagina del primo libro che ha il coraggio di parlarne. Una citazione di Emil