Tag "Razzismo"

Cambia le lenti, non gli occhi

Il concorso Lingua Madre è dedicato alle donne straniere, anche di seconda o terza generazione, residenti in Italia che, utilizzando la nostra lingua, vogliono approfondire il rapporto fra identità, radici e molto “altro”. Una sezione speciale è riservata alle donne italiane che vogliono raccontare storie di donne straniere che hanno conosciuto, amato, incontrato e che hanno saputo trasmettere loro “altre” identità. Il concorso letterario vuole essere un’opportunità per dar voce

Le persone che ti cambiano

“Speak up. Speak up for you. You have to speak up.” Questo è il messaggio che ha lasciato Claudia Rankine ai giovani del Salone del libro di Torino, spronandoli a prendere posizione come veri cittadini. Parlare a voce alta è il compito di ogni Citizen, titolo del suo libro: un connubio di prosa, poesia e immagini. Rapidi flash visivi che permettono di analizzare il razzismo, poiché “quando si discute di

“Il razzismo passa per la non conoscenza”

Sos bilancio negativo se me chiamano straniero nel posto dove vivo. Sos pronto all’esecuzione se mi fanno senti’ straniero nella mia nazione. [Amir] L’Italia è un paese razzista? È con questa domanda che Stefania Mascetti, giornalista di Internazionale, da inizio all’incontro intitolato “Razzismo”. Igiaba Scego, scrittrice e collaboratrice di Internazionale, apre il dialogo affermando che c’è un problema burocratico alla base di tutto. Questo problema ha un nome: Razzismo costituzionale.

Pesi Massimi

“Alla fine ho capito che non sempre serve diventare campioni del mondo per essere veramente dei pesi massimi.” Così è iniziato l’incontro che vedeva come protagonista Federico Appel e il suo libro: Pesi Massimi (Sinnos). Durante quello che l’autore ha definito un match, il pubblico è stato coinvolto tramite il racconto delle storie contenute nel fumetto creato da Appel. I protagonisti di queste vicende sono personaggi simbolo della lotta contro il

Eros Miari, tra giovani e giovanissimi

  Il 14 maggio 2015 si è svolta alla casa del quartiere di San Salvario la prima conferenza stampapresalone del Libro. Tra gli ospiti parla Eros Miari, curatore del progetto “Prendere Posizione” con Andrea Bajani. I temi su cui si è soffermato sono due: il tema della guerra e dello sport. Il Progetto vuole portare il tema delle guerre ai bambini e ai ragazzi proprio perchè si vuole partire dai

PORDENONE – Porte aperte alle culture

“Un  contatto intimo, un gesto simbolico di reciproco impegno per una capacità culturale di vedere le cose in modo diverso” . Così il sindaco di Pordenone, Claudio Pedrotti, apre la cerimonia di consegna del sigillo della città al celebre scrittore Tahar Ben Jelloun.  L’appuntamento è forse il più importante di tutto il festival Dedica, capace di stabilire un rapporto stretto e confidenziale tra la città ospitante e il pluripremiato autore.

Otto grandi nomi raccontano l’Europa di tutti i giorni

Al riparo dalla pioggia sotto il portico del chiostro di San Paolo, si è svolta la rassegna stampa internazionale a cura della rivista promotrice del festival ed inserita nel programma di Radio24 L’Altra Europa. Presenta, introduce e pone domande Federico Taddia. Gli ospiti sono numerosi e di riguardo. Inizia Gian Paolo Accardo di Presseurop, un sito di attualità in 10 lingue, riporta articoli in cui l’Europa è indicata colpevole delle numerose morti di migranti

Occhio a Thuram

Secondo impegno giornaliero per l’ex calciatore Liliam Thuram dopo la conferenza stampa a cui ha partecipato questa mattina. In Piazza Municipale egli è ancora “in campo” con il suo impegno politico e civile contro il razzismo. Introduce l’evento la scrittrice somala Igiaba Scego ricordando i suoi fratelli e le sue sorelle morte, o forse uccise?, nella strage di Lampedusa di giovedì scorso. A condurre sono però Idriss, Rania, Isabella, Adam…