Tag "Ferrara"

The incredible Trump

Ci sono vari modi per esprimere la propria opinione, uno di questi è la satira. Questo è il linguaggio utilizzato da Dan Perkins, in arte Tom Tomorrow: fumettista americano che tramite le sue produzioni cerca di creare un effetto domino e far sentire la sua voce contro l’attuale politica statunitense. Dan al festival Internazionale di Ferrara ha presentato alcune sue vignette su Trump sperando di sollevare delle riflessioni nei suoi ascoltatori. L’immagine

Parks Need People

“Oggi alcuni ambientalisti bianchi sembrano pensare che se un luogo viene dichiarato selvaggio nessuno ha più il diritto di abitarlo a causa della sua fragilità. Così hanno recintato la nostra valle recintando forse anche noi stessi”.E’ questo il messaggio che Parnab Doley, Fiore Longo e John Vidal hanno voluto trasmettere durante la conferenza tenutasi nella sala estense di Ferrara il 30 settembre dal titolo “Si salvi chi può”. In questi

Il nostro inizio al festival

Sfogliando il ricco programma di Internazionale 2017, incuriosite dagli eventi di “Intanto a Ferrara” abbiamo deciso di capire cosa fossero. Si tratta di extra-festival, una serie di mostre, rassegne, letture, presentazioni di libri, incontri o dibattiti totalmente indipendenti dal canonico festival che avrà luogo in questi tre giorni. Si nota così l’intenzione di tenere viva Ferrara con flussi culturali che ,se ben organizzati, potrebbero rivelarsi interessanti opportunità anche per studenti

In una piccola città Internazionale

Curiosità, attesa ed entusiasmo: queste le vibes che si percepiscono girando per le vie di Ferrara. Scambiando due chiacchere con i passanti, si ha la possibilità di capire come il festival sia accolto dalla cittadinanza. Tuttavia, tra le numerose dichiarazioni di entusiasmo e trepidazione, si registrano anche voci (unicamente di cittadini estensi) che si discostano dal coro e affermano il proprio disinteresse. Ciononostante, un ferrarese non può fare a meno di notare

Requiem Comunitario

E se il Regno Unito avesse bisogno dell’Europa? E se fosse l’Europa ad aver bisogno del Regno Unito? E se nessuno di noi avesse più bisogno dell’Europa? Queste sono le domande a cui si propone di rispondere la conferenza titolata Senza slancio, lasciandoci comunque alla fine abbastanza delusi. Gli esperti invitati a discutere, piuttosto che creare un dibattito effettivo si sono più che altro limitati a una sorta di autoreferenziale condivisione

Sulle rovine costruiamo la rinascita

Non ti riconosco, non mi riconosco. Marco Revelli presenta un libro singolare,un viaggio eretico alla ricerca dell’identità perduta di un Paese, l’Italia, e di una luce rivelatrice che illumini i suoi contorni sfocati. E’ un libro che deve far riflettere con la sua forza dello svelamento. Nucleo centrale il tema del viaggio; viaggio come rimedio terapeutico contro l’irriconoscibilità del proprio Paese e di sé, viaggio come misura della trasformazione sradicante

Il Ribelle Ubbidiente

“L’uomo del futuro” non è un libro che racconta di fantascienza o di popolazioni provenienti dal 2100, ma di un uomo che nel passato si considerava lui stesso “più avanti di 50 anni rispetto alla chiesa del tempo”. Questo uomo era Don Lorenzo Milani, l’eroe di Barbiana.  Lo scrittore Eraldo Affinati sceglie di raccontare proprio della sua vita, troncata precocemente dalla leucemia, perché di grande ispirazione, tanto da portarlo alla decisione

La guerra globale

Luciano Canfora ha tenuto, nella giornata di Sabato 13 Maggio, la lectio magistralis sulla sua ultima pubblicazione: Tucidide; la menzogna, la colpa, l’esilio. L’evento trattato è la Guerra del Peloponneso, o, come Tucidide stesso la definisce, “la guerra degli Ateniesi, degli Spartani e dei loro alleati”. Il generale ateniese parla del conflitto in qualità di “guerra globale” e più cruenta di tutti i tempi. Queste parole ovviamente sono di un

Spazio all’immaginazione

La filosofia è noiosa ultimamente. Da questa prima constatazione il giornalista Corrado Augias fa partire il suo breve elogio introduttivo di Michel Serres e del suo modo di filosofare. Augias sostiene che mentre la filosofia “filosofa su se stessa”, il francese l’ha riportata a essere un ragionamento volto a interpretare la vita. E’ evidente nel suo metodo il tentativo di riproporre un sistema filosofico che richiami quello antico, quello dei