Tag "scuola"

La misteriosa morte di un collaboratore scolastico

Il romanzo Niente tranne il nome, edito da Garzanti, dell’autore e professore Andrea Maggi, è un giallo moderno ambientato in una scuola media di Pordenone e che ha come scopo descriverla in modo grottesco e ironico. Proprio qui avviene un delitto: ad essere ucciso è un collaboratore scolastico, che lo scrittore definisce “il più simpatico” e che per questo motivo decide “di far fuori”, pur essendo il personaggio più caricato,

Ripartendo da Don Milani

“Lettera ad una professoressa” di Don Milani compie 50 anni: anni di riforme e cambiamenti, nonostante i quali il libro continua ad essere più che mai attuale. I problemi sono infatti ancora gli stessi per i cosiddetti “allievi con gravi difficoltà”. È a loro che prestano la voce Gaia Guasti e Andrea Schiavon nei loro libri, “Lettere di un cattivo studente“ (Camelozampa) e “Don Milani. Parole per timidi e disobbedienti.” (ADD editore), presentati

Da Erodoto al glamour grammaticale: la scuola come non te l’aspetti

Davvero la storia e la grammatica non sono così noiose come sembrano? E’ stato questo il grande interrogativo dell’Ora Buca di oggi, 19 maggio. All’Arena Bookstock sono intervenuti in favore delle discipline di storia ed italiano due grandi personalità culturali: Alessandro Barbero e Giuseppe Antonelli. Superfluo dire che entrambi gli interventi si sono rivelati quantomeno illuminanti. Alessandro Barbero, storico e scrittore attualmente in attività, ha affrontato la storia in maniera del tutto

Bambini e politici in tandem per la scuola del futuro

Oggi, 18 maggio 2017, nello spazio “Arena Bookstock”, figure importanti come Sergio Chiamparino, Chiara Appendino, Francesco Profumo e Valeria Fedeli, hanno ascoltato e risposto alle molteplici domande poste loro da bambini di scuole elementari e medie, relative alla scuola ed al suo rinnovamento. Attraverso queste curiosità i vari ospiti hanno avuto l’occasione di parlarci di alcuni avvenimenti della loro vita riguardanti la scuola, di come era, com’è adesso e di

Lo spazio dei giovani lettori: Bookstock Village

“Oltre il confine” è il tema del   30° Salone Internazionale del libro di Torino: ci sono limiti che la realtà ci impone ogni giorno, confini che tutti avrebbero voglia di superare, giovani e bambini in particolare, spinti dalla curiosità e dalla fantasia. Quale mezzo migliore dei libri! Ma ad esempio se chiedessimo ad ragazzo cosa pensa dei libri cosa ci risponderebbe? C’è ancora nei giovani la voglia di leggere o

La lettura nel mondo di domani

Secondo una ricerca di Save the Children un ragazzo su due in età scolare legge solo i libri assegnatigli obbligatoriamente dagli insegnanti. L’attitudine alla lettura attiva sta quindi perdendo importanza per la generazione 2.0, abituata ad un nuova realtà digitale? C’è un modo per riportare i giovani all’interesse per una lettura formativa? A queste domande risponde Marcello Fois nel terzo incontro del ciclo “Mettere a fuoco il presente” tenuto al

Educare i giovani al mondo di domani

Marino Golinelli, fondatore della Fondazione Golinelli, si pone come obiettivo i giovani e aiutarli a inserirsi nel mondo attuale. Sente propria questa causa come un dovere morale e sociale, per sdebitarsi con la sorte per tutte le fortune che ha avuto, lasciando alle generazioni future il frutto del proprio lavoro e della propria esperienza. Perciò si impegna a fornire ai giovani dai 18 ai 35 anni gli strumenti per affrontare

Moneta e Impero: chiave di lettura per la società moderna

La nostra è una realtà politica, sociale ed economica sempre più complessa e di difficile comprensione. Luca Frontini, Sara Piersantelli e Martina Carletti hanno tentato di chiarirla nel loro libro intitolato “Moneta e Impero. Benessere, sovranità e democrazia: come e perchè li stiamo perdendo”. Esso si apre con la prefazione scritta da Martina, all’interno della quale dedica ampio spazio alla definizione dell’attuale globalizzazione: questa viene descritta come una forma di

La scuola con occhi nuovi

Le scuole, definite da Christian Raimo “palestre di uguaglianza” dei diritti, devono essere luoghi ospitali. La questione sul poco spazio disponibile e sulle condizione precarie dei materiali scolastici è stata uno dei problemi affrontati dal linguista Tullio De Mauro, dallo scrittore Christian Raimo e dall’insegnante e blogger canadese Lizanne Foster. I mezzi per creare spazi più ampi  e luoghi adeguati ci sarebbero, ma è necessario che la società si mobilizzi

Verso una scuola buona in modo diverso

L’insegnamento è un argomento di estrema attualità in questo periodo di grandi riforme legate alla scuola ed è anche il centro del dibattito che si è tenuto nell’Arena Bookstock tra Annamaria Palmieri, Franco Lorenzoni, Domenico Starnone e Mario Tagliani. Tutti questi scrittori-insegnanti hanno narrato le loro esperienze tra le mura scolastiche nelle proprie opere, in quanto i racconti di scuola, che hanno da sempre accompagnato la trasformazione della società italiana,