Tag "bambini"

Adotta uno scrittore Junior: la curiosità dei bambini

Oggi, 22 Maggio 2017, ultimo giorno del Salone Internazionale del libro, nello Spazio Stock c’è stata la “tappa finale” del progetto “Adotta uno scrittore Junior”. Sei scrittori si sono recati in sei classi di scuole primarie e medie di Torino e dintorni con l’obiettivo di convincere anche chi non ama scrivere e leggere che non è poi così male. Mara Dompè è stata adottata dalla Scuola elementare statale di Cisterna

Il Castello di Rivoli ci porta Oltre il Confine

Più si sperimenta il mondo, con le mani che muovono la mente, più si hanno gli strumenti per comprenderlo e valutarlo.  Questi i presupposti dell’allestimento e dei laboratori del Bookstock Village di quest’anno, a opera del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli che da sempre “fa bello” il Padiglione 5. Nel laboratorio Immagine 1 si sta tenendo infatti un laboratorio dedicato a bambini delle scuole materne ed elementari in cui si sperimenta la tecnica

Pennac docet

Lo scrittore Daniel Pennac in vesti di insegnante esordisce con una presa di posizione forte su come si trasmette la passione sulla lettura:“Un bambino che ha paura non capirà mai niente”, come testimonia il suo passato in cui gli veniva impedito di leggere; ora l’esatto contrario, poiché i nostri giovani sono costretti a leggere. Pennac è tassativo: la lettura non va imposta, ma bisogna stimolarne il piacere. L’immagine di suo

Il cammino verso il prossimo

Torino, 18 maggio 2017 I bambini delle scuole elementari e medie di Volpiano, piccoli partecipanti al Librabile Booktop Extra, si sono riuniti per un ultimo confronto al termine del progetto di sensibilizzazione promosso dall’Area Onlus di Torino, dedita al sostegno delle persone colpite da handicap. Il percorso ha compreso laboratori e seminari per insegnanti, genitori e figli, incontri e eventi tra cui l’esposizione della mostra “Vietato non sfogliare”. Dopo diverse

Come sconfiggere le disabilità nella lettura

La disabilità fisica o mentale non deve essere vista come un ostacolo ai rapporti tra bambini poiché non si tratta di diversità ma di modi diversi di approcciarsi al mondo. La mostra Vietato non sfogliare, al Bookstock Village del Salone del libro di Torino il 18 maggio 2017 dalle 10 alle 17, permette di conoscere una tipologia di libri particolare che fa sì che i bambini affetti da disabilità possano

Lo spazio dei giovani lettori: Bookstock Village

“Oltre il confine” è il tema del   30° Salone Internazionale del libro di Torino: ci sono limiti che la realtà ci impone ogni giorno, confini che tutti avrebbero voglia di superare, giovani e bambini in particolare, spinti dalla curiosità e dalla fantasia. Quale mezzo migliore dei libri! Ma ad esempio se chiedessimo ad ragazzo cosa pensa dei libri cosa ci risponderebbe? C’è ancora nei giovani la voglia di leggere o

Ciò che non sai del sonno

In prima serata, il 15 Settembre presso lo spazio BCC Fvg, Luigi Gallimberti, medico specializzato in Psichiatria e Tossicologia e docente presso l’Università di Padova ha proposto al pubblico un’accurata e lineare spiegazione sul bambino come “nativo digitale”, trovando un nesso tra ricerche sul campo delle neuroscienze e il buon senso. “I bambini nati dal 2002 ad oggi sono abituati quotidianamente ad interagire con quelle che noi chiamavamo “nuove tecnologie”

La rivoluzione della lettura per i bambini

Penultimo giorno del Salone, qui a Lingotto Fiere, pronti a portarvi una visione di novità ed innovazione, tema pregnante della XXIX edizione. Non a caso, Panorama li ha definiti una delle migliori 5 novità del Salone. La parte più innovativa dell’editoria italiana sono i piccoli indipendenti con idee originali. Parliamo del progetto CAMILLA, un nome che dice molto più di quanto possa sembrare: Collana di Alibi Modificati Inclusivi per la

Auschwitz: “Una storia di vento”

Tutti conoscono la triste storia della deportazione degli Ebrei, ma come spiegarla ai bambini? Franco Grego ha proposto un’app interattiva dal titolo”Auschwitz una storia di vento”, per portarli indietro a settant’anni fa, facendoli immergere in quell’atmosfera di disperazione, senza soffermarsi però sui tratti  più violenti, ma utilizzando le illustrazioni e la possibilità di interagire per entrare nella storia. Con il sottofondo di una musica struggente, un papà abbraccia i suoi

(Le illustrazioni di) Berlino incontra(no) (i piccolini di) Torino

  Oggi al salone del Libro 2015 Nadia Budde, illustratrice tedesca, con zampine, bestioline e corpicini incontra i piccoli ospiti del Salone, approfittando del workshop organizzato per presentare il suo nuovo libro dedicato proprio a loro. Così, tra colori, disegni e risate, coinvolge tutti in un’esperienza interessante mettendo insieme i vari tasselli della storia che racconta. Una storia alla portata di tutti, con personaggi bruttini e deformati per suscitare l’ironia