22 maggio 2022, Salone del Libro 2022

Diabolik: il viaggio dal fumetto al film


Maria Vittoria Giammanco, Giorgia De Luca, liceo classico Alfieri


Quando si è in due a dirigere la produzione di un film, capacità di ascolto e sintonia sono senza dubbio fattori decisivi per la buona riuscita dell’opera. Tali qualità di certo non mancano alla coppia di registi Marco e Antonio Manetti, alias Manetti bros. I due fratelli hanno tenuto oggi, 22 maggio, un incontro al Salone del libro di Torino. Argomento centrale della conferenza, la discussione dei film da loro prodotti Diabolik e Ammore e malavita. Quest’ultimo nel 2018 li ha portati alla vittoria dell’insigne riconoscimento David di Donatello. Ad intervistarli la giornalista cinematografica Elisa Grando. Partendo da Diabolik, i registi hanno sottolineato le difficoltà che hanno dovuto affrontare riguardo alla scelta degli attori, in quanto risultava fondamentale trovare la perfetta corrispondenza tra interprete e personaggio della fortunata collezione di fumetti. Obiettivo principale dei Manetti, infatti, era quello di attenersi il più possibile all’omonima e amatissima versione cartacea. Tali problematicità, confessano i fratelli, hanno causato non poche discussioni sulle scelte artistiche da adottare. L’avere una cultura cinematografica e riferimenti comuni, dovuti al fatto che sono cresciuti insieme, si è rivelato vantaggioso per la risoluzione delle discussioni. Passando poi al film Ammore e malavita, lo sforzo dei registi si è focalizzato sul riuscire a rendere le canzoni parte essenziale del musical, e non una mera aggiunta a scopo decorativo, come fin troppo spesso succede nei musical italiani. Concludendo l’incontro, i due annunciano entusiasti l’uscita sul grande schermo dei due inediti sequel di Diabolik, in cui, svelano, non troveremo più l’attore Luca Marinelli nei panni di protagonista, bensì Giacomo Gianniotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.