19 maggio 2022, Cronache, Salone del Libro 2022

Pure soggetti non parlanti possono diventare i protagonisti per raccontare temi ambientali


Maria Daviso, Maddalena contino, Redazione Liceo Alfieri


In quanti romanzi ci è capitato di leggere la storia di un protagonista che non parla?

Il grande scrittore indiano Amitav Ghosh ha aperto il XXXIV Salone del Libro con la sua lezione intitolataI non-umani possono parlare?. Nel suo intervento ha sottolineato come sia solito definire umano un individuo in grado di parlare: questa visione è discriminante per la comunicazione dei non-umani, che non riusciamo a comprendere. Nell’immaginario collettivo, una conversazione tra vegetali viene ricondotta al fantasy o all’horror e diventa difficile porre animali e piante come protagonisti di una narrazione, non personificandoli. Ghosh esprime quindi un importante problema culturale che sta a monte, rendendo evidente la necessità che gli scrittori comincino a inserire soggetti non-umani come parte integrante del tessuto narrativo, e avvicinare così i lettori a temi come la questione climatica. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.