La Peste, Un libro tante scuole

Solo solidarietà e condivisione oppure anche un po’ di sano individualismo?


Carlotta Suffia


Una cosa che ti ha colpito

.

Una frase del libro da conservare

Una frase che conserverò sicuramente e a cui ripenserò di certo è  “Così non c’erano più destini individuali, ma una storia comune costituita dalla peste e sentimenti condivisi da tutti”. Se si potesse tornare indietro e avere ancora la possibilità di incontrare Camus,  una domanda da porgli sarebbe quella di chiedergli se, secondo lui, questo senso di condivisione di cui parla sia solamente positivo o se un po’ di sano individualismo non sarebbe male. A mio parere, il fatto di trovarsi “sulla stessa barca”, come detto dallo stesso autore nel corso del libro, e di condividere un’esperienza sconvolgente come la peste non può che unire le persone, aumentare il senso di solidarietà e rendere molto meno difficile la situazione.  Mi chiedo, però, anche se il fatto di vivere tutti gli stessi sentimenti sia da considerarsi solamente positivo o nasconda qualcosa di negativo. Una volta mi è capitato di lamentarmi e commiserarmi per qualche problema al di fuori del Covid e di ricevere come risposta un banale “pensa a chi si trova in ospedale affetto da Covid e non ti lamentare, i tuoi problemi in confronto non sono nulla di grave”; è giusto, però, che al di fuori dell’ansia, dell’angoscia e della preoccupazione causata dalla pandemia e condivisa da tutte le singole persone non si possano avere delle personali questioni e soprattutto non le si possa manifestare e condividere esattamente come si fa con quelle legate alla pandemia? Sarebbe molto interessante chiedere all’autore cosa intendesse con questa sua affermazione!

Commento al libro La Peste di Camus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.