La Peste, Un libro tante scuole

I tempi cambiano, le emozioni NO


Michele Adamo


Una cosa che ti ha colpito

Del libro mi hanno colpito molte cose, una di queste è l’incredibile quantità di emozioni che riesce a far arrivare al lettore. Di certo un grande aiuto per questo scopo è la somiglianza che si ha tra la storia raccontata e gli eventi che stanno accadendo da più di un anno a questa parte. Infatti il lettore si sente in un primo momento catapultato in quel mondo del 194. Ma, continuando a leggere, inizia a sentirsi confuso data l’incredibile somiglianza non solo del susseguirsi di eventi, ma anche dei sentimenti che l’autore descrive come la nostalgia delle persone care, la tristezza e la rabbia del non poter far nulla per cambiare la situazione che si sta vivendo. Ovviamente nel pubblico si riscontreranno pensieri contrastanti, ma una cosa è certa, ognuno di loro ha provato uno di quei sentimenti.

Un’altra cosa che ti ha colpito

Un’altra cosa che mi ha colpito è la capacità che il lettore ha nel descrivere i sentimenti di tutti i personaggi. Infatti l’autore riesce ad entrare nella mente sia dei personaggi principali (come ad esempio Rieux), sia in quella dei personaggi secondari (come ad esempio la madre di Rieux). Sono proprio questi sentimenti a spingere l’autore a voler continuare la lettura (questa è stata la mia esperienza).

Una frase del libro da conservare

“Ma quella separazione brutale e prolungata li aveva messi nella condizione di scoprire che non potevano vivere lontani l’uno dall’altra, e che di fronte a questa verità improvvisamente lampante la peste era ben poca cosa.” (pag. 96 r. 24-28)

“Il male presente nel mondo viene quasi sempre dall’ignoranza , e la buona volontà, se non è illuminata, può fare altrettanti danni della malvagità.” (pag. 159 r. 13-15)

Del libro mi hanno colpito molte cose, una di queste è l’incredibile quantità di emozioni che riesce a far arrivare al lettore. Di certo un grande aiuto per questo scopo è la somiglianza che si ha tra la storia raccontata e gli eventi che stanno accadendo da più di 1 anno a questa parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *