La Peste, Un libro tante scuole

Cuori incrinati


Maria Chiara Tomasicchio III D Liceo Alessandro Volta Como


Una cosa che ti ha colpito

Credo che chiunque abbia letto La Peste di Camus non abbia potuto fare a meno di sentirsi toccato nel profondo dal racconto di quanto succede agli abitanti di Orano prima, durante e dopo la separazione dai propri cari. A riguardo, le parti che credo abbiano spezzato il cuore a molti lettori sono quelle in cui si parla degli innamorati e di come affrontino la separazione. L’inizio è come ci si aspetterebbe, dal momento che si è tristi, ma ci si deve adattare. Le cose poi iniziano a complicarsi: le persone iniziano a dimenticarsi del proprio partner e di com’è, iniziano a sentirlo quasi come un ricordo fasullo, un fantasma di un passato troppo lontano per essere loro. Nemmeno il ritrovarsi è così semplice. Si cerca di fermare il tempo, perché si ha paura che la neonata normalità possa finire da un momento all’altro e il peso emotivo del momento in cui si ritorna ad avere accanto qualcuno o qualcuna non è affatto indifferente. Così succede anche per i rapporti con amici e parenti stretti, con separazioni che, come dice l’autore stesso, non lasciano inalterato il cuore dell’uomo.

Una frase del libro da conservare

“Quando il treno si fermò, le separazioni interminabili, cominciate sovente su quella stessa banchina ferroviaria, vi finirono in un attimo…lui, non ebbe tempo di guardare la forma che gli correva incontro, ché questa ormai gli si era buttata sul petto. E tenendola abbracciata, stringendo a sé una testa di cui non vedeva se non i noti capelli, egli lasciò sgorgare le lacrime senza sapere se venissero dalla gioia presente o da un dolore troppo a lungo represso…Per il momento egli voleva fare come tutti coloro che avevano l’aria di credere, intorno a lui, che la peste può venire e andarsene senza che il cuore dell’uomo ne sia modificato”

Commento su “La Peste” di Maria Chiara Tomasicchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *