La Peste, Un libro tante scuole

Trovare il senso di una pandemia


Erika Mihaila - IVBssas


Il libro “LA PESTE” ci ha fatto rivivere i momenti passati in questi due anni.

All’inizio del libro anche la gente di Orano sottovaluta la peste come abbiamo fatto noi con il Covid-19; infatti, durante il primo periodo della pandemia, la gente esce in piazza, va alle feste, nei bar, nei negozi e poi continua ad uscire ed entrare nella città di Orano; ma, soprattutto i politici, non credono al ritorno della peste, anche se il  medico Rieux e il collega Castel suppongono che ci sia di nuovo. Il medico Bernard Rieux lo capisce perché nella città di Orano iniziarono a morire oltre seimila ratti, ma si convince che tutta la popolazione sta rischiando la vita quando il portinaio Michel si ammala in modo gravissimo e nessuna medicina lo può curare. Oltre a lui, iniziano a morire sempre più  persone, con gli stessi sintomi di Michel: da ciò capiscono che è davvero peste.

“Dichiarate lo stato di peste. Chiudete la città”: da qui inizia il vero senso della peste, il vero senso del Covid-19 al giorno d’oggi. Quest’episodio mi fa ricordare l’inizio della pandemia, quando siamo stati chiusi nelle nostre case da un giorno all’altro, senza poter uscire, senza vedere i nostri cari, i nostri amici, senza andare a scuola o al lavoro, senza poter vivere la vita che vivevano prima del Covid-19. Questa pandemia ha messo paura sia a noi, la nuova popolazione, sia a quella di Orano, perché non conoscendo la malattia, non avendo una cura ci siamo tutti spaventati, siamo stati tutti nella stessa situazione, abbiamo provato gli stessi sentimenti: il dramma della separazione da una persona amata è diventata, improvvisamente, quello di un’intera popolazione; la paura, il dolore, l’insicurezza, la depressione, la solitudine, la fede, la speranza, questi sentimenti li abbiamo provati sia noi, sia la popolazione di Orano. Molte cittadini di Orano hanno pensato che la peste fosse una punizione divina e hanno cercato il perdono con riti e preghiere, ma anche così, la situazione non è cambiata, ogni giorno morivano delle persone ed i medici come Rieux diventavano sempre più stanchi e tristi, perché oltre a vedere delle persone morire, erano lontani dai loro cari e questo li intristiva. Durante il periodo del coronavirus molti medici, infermieri si sono imbattuti in questa situazione, nel passare anche ventiquattro ore in ospedale a veder morire davanti ai propri occhi molte persone e a riuscire a salvare in qualche modo le vite di poche altre, stando lontano dai propri famigliari. Questo libro è molto realistico, sensibile ed intenso, ed è riuscito a farmi entrare a far parte di questa vicenda perché mi sono trovata a rivivere le stesse esperienze, emozioni, momenti vissuti nel periodo del Covid-19. Proprio per questo posso dire che mi è piaciuto molto e lo consiglio vivamente, soprattutto per fare una comparazione tra ciò che è successo a Orano e ciò che successo a noi, al giorno d’oggi. Questo testo riesce ad arrivare fino al cuore, perché le emozioni descritte e suscitate sono grandi, e ripensare a tutto ciò che abbiamo passato mi fa star male, perché abbiamo perso persone a noi care, abbiamo perso due anni della nostra vita a stare in casa ad avere paura e a non saper cosa fare, ma abbiamo capito il vero senso di una pandemia ed il verso senso di essere delle persone responsabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *