10° – Diritti



L’Europa deve avere una propria identità e un senso dei diritti forte. L’Europa del futuro sarà caratterizzata da una maggiore uguaglianza e giustizia sociale.  L’Unione Europea si deve impegnare maggiormente a promuovere e tutelare i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto in tutto il mondo.

I diritti dell’uomo devono rivestire un’importanza decisiva nelle relazioni all’interno dell’UE e con gli altri paesi e le regioni del mondo. Le politiche dell’UE dovrebbero puntare quindi a promuovere i diritti delle donne, dei bambini, delle minoranze e degli sfollati, e a combattere la pena di morte, la tortura, la tratta di esseri umani e le discriminazioni.

È necessario un maggior impegno per difendere i diritti civili, politici, economici, sociali, culturali e i diritti umani, in attiva collaborazione con i paesi partner, le organizzazioni internazionali o regionali, e i gruppi e le associazioni a tutti i livelli della società civile. Per velocizzare il progresso, si dovrebbero includere clausole sui diritti umani in tutti gli accordi commerciali o di cooperazione con i paesi extra UE. Anche gli Stati membri dell’UE dovrebbero rispettare e promuovere la tutela di tutti i diritti: oggigiorno stati membri come la Polonia o l’Ungheria non rispettano più le ambizioni dell’Unione Europea in questo settore, e andrebbero redarguiti, pena l’esclusione da altri progetti ai quali avrebbero avuto interesse di partecipare.

I valori fondanti dell’Europa si devono basare su un sistema democratico vigente in ogni singolo Stato, in cui non venga effettuato nessun tipo di discriminazione, ma dove tutti gli esseri umani godano degli stessi diritti inviolabili, e anzi, punire coloro che effettuano suddette discriminazioni, tutelando queste minoranze non solo con delle leggi apposite, ma anche diminuendo gli incentivi economici concessi dall’UE ai Paesi discriminanti.

Sul piano dei diritti e della tutela delle minoranze l’Europa è divisa, molti paesi sono indietro di decenni rispetto ad altri, i diritti non sono garantiti a tutti nello stesso modo in tutta Europa, e le minoranze non sono tutelate e rispettate ovunque nel territorio europeo: spesso sono minacciate infatti dall’ignoranza, e la poca sensibilizzazione e il lucro a scopo politico ne sono complici.

Sogniamo un Europa nella quale a tutti siano garantiti gli stessi diritti indipendentemente dall’appartenenza o no a una minoranza. Le minoranze si tutelano a partire dall’informazione, a livello europeo andrebbero organizzati eventi per informare e far conoscere minoranze e diversità presenti sul territorio europeo; sulla carta dei diritti fondamentali dell’uomo andrebbero aggiunti nuovi punti che mirino alla tutela delle minoranze e ai diritti per tutti.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *