3° – Scuola



Desideriamo un’Europa che garantisca l’istruzione pubblica a tutti i suoi cittadini dall’asilo nido all’università, con obbligo scolastico fino a 19 anni e programmi che assecondino le inclinazioni di ciascuno. Si dovrebbero progettare e costruire belle scuole attrezzate con tablet, computer, laboratori scientifici e palestre: devono essere accoglienti, spaziose e divertenti, con biblioteche piene di libri, perché è importante leggere e imparare. Noi bambini dobbiamo avere la possibilità di andare nei musei per apprendere in modo diverso. Ogni bambino e ogni bambina deve avere la tranquillità necessaria per svolgere i compiti.

A scuola si devono insegnare l’inglese e le altre lingue europee (almeno due oltre alla propria), la matematica, l’arte, la musica e si dovrebbe praticare lo sport almeno una volta al giorno (piscine, palestre, campi da gioco all’aperto). Vorremmo fare degli scambi con altre scuole e che siano abolite le classi speciali in quanto deve essere realizzata l’integrazione degli alunni disabili. Nell’Europa che desideriamo, si garantisce  a tutte le persone, dai più piccoli ai più grandi, un’istruzione formativa e inclusiva.

1 commento

  1. Dovremmo dedicare il 2022 anno della scuola perché “la scuola” nel suo complesso diventi argomento prioritario nel dibattito politico e culturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.