La Peste, Un libro tante scuole

Siamo nati solo per noi stessi?


Larisa Acsinte, Alessia Crivelli, Valeria Valaperta


Il termine “solidarietà” viene dal latino e significa rapporto di fratellanza e di assistenza reciproca che unisce i membri di un gruppo; questa parola mette in relazione diverse situazioni, tra cui quella descritta nel Podcast da Goffredo Fofi e quella attuale del covid 19: ma in che modo? Nel momento in cui l’essere umano si trova di fronte a un nemico comune, l’unico modo per tentare di sconfiggerlo é unire le forze di tutti e contare l’uno sull’altro. Lo stesso fenomeno, paradossalmente, avviene in modo naturale negli animali: per esempio, nei bufali quando un soggetto giovane o infermo viene attaccato dai leoni l’intero gruppo si schiera a muro contro il predatore.
Come stiamo vedendo oggi, grazie alla collaborazione delle case farmaceutiche di tutto il mondo, è stato possibile realizzare più di un vaccino efficiente in tempi sicuramente minori rispetto a quanto un singolo scienziato avrebbe potuto fare; allo stesso tempo, tuttavia, ciò implica anche dei pareri opposti, per colpa dei quali non sarà possibile raggiungere l’immunità in tempi brevi, in quanto al giorno d’oggi non tutti sono disposti ad essere solidali. “Non siamo nati solo per noi stessi, ma una parte della nostra vita la dobbiamo alla patria, e un’altra parte ai nostri amici.” Marco Tullio Cicerone

Articolo di Larisa Acsinte, Alessia Crivelli e Valeria Valaperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *