La Peste, Un libro tante scuole

Spiraglio di speranza


Marta Pinci


Una cosa che ti ha colpito

“La peste” di Albert Camus è un romanzo realistico e in questo periodo molto attuale. Da un anno e mezzo conviviamo con il Coronavirus e leggendo il libro mi è sembrato di ripercorrere tutte le tappe che ci hanno fatto arrivare ad oggi: “il paziente 0”, i primi casi gravi, lo strazio dei malati («il malato continuava a delirare […] a vomitare. I noduli del collo erano dolorosi al tatto…» pag.48; «Due colpi di bisturi a croce e dai noduli fuoriusciva una poltiglia mista a sangue. I malati soffrivano, straziati

» pag.60-61), nessuno che ci crede, l’isolamento in casa, la morte dei propri cari e degli amici, ed infine la scoperta del vaccino per cercare di contrastare la malattia.

Una frase del libro da conservare

Una frase che mi ha particolarmente colpito è Quella separazione brutale, senza appello, senza un avvenire prevedibile, ci lasciava sconcertati, incapaci di reagire di fronte al ricordo della presenza ancora così vicina e già così lontana che ora occupava le nostre giornate” (pag.97), in quanto mi ha fatto riflettere sulla situazione vissuta nella prima fase della pandemia. Siamo stati costretti ad “esiliarci” e questo esilio ci ha portato a conoscere meglio noi stessi e a riflettere sulle cose che riteniamo importanti e sulle relazioni vere. Abbiamo capito quanto speciale fosse prima abbracciare i propri nonni, dare un bacio ai propri cari, uscire con i propri amici. Abbiamo vissuto nella monotonia aggrappandoci ad uno spiraglio di speranza che piano piano ci sta portando ad una nuova luce.

Commento di Marta Pinci de La peste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.