Un libro tante scuole

Lo specchio di Arturo


3 A


Una cosa che ti ha colpito

Il paesaggio come specchio dell’anima di Arturo. Inizialmente l’isola rappresentava lui. Non osava andare oltre il suo mondo fantastico e illusorio per non perdere quel poco che aveva, quel poco che era tutto. Ma quando il filtro magico è sparito, Arturo non ci si rispecchia più; e il mondo e il mare che prima tanto lo intimorivano ora gli appaiono più suggestivi che mai. Ciò che prima rappresentava sicurezza e conforto, ora è disprezzo e malinconia.

In questo modo Arturo passa da crisalide a farfalla, uscendo dal suo involucro.

Una frase del libro da conservare

“Spesso certi nostri affetti, che presumiamo magnifici, addirittura sovrumani, sono in realtà, insipidi; solo un’amarezza terrestre, magari atroce, può, come il sale, suscitare il sapore misterioso della loro profonda mescolanza!”

“Una speranza, a volte, indebolisce le coscienze, come un vizio.”

“E d’un tratto, un rimpianto sconsolato mi si appesantì sul cuore, al pensiero del mattino che si sarebbe levato sull’isola, uguale agli altri giorni … ma no, anche l’estate, invece, sarebbe tornata immancabilmente, uguale al solito.”

Se questo libro fosse una canzone

“Let it be” – Beatles

“It’s my life” – Bon Jovi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.