La Peste, Un libro tante scuole

Un libro attuale


Simona Casadei 4D


Un libro del passato, ma allo stesso tempo attuale. Ne “La peste” viene raccontata attraverso gli occhi di Bernard Rieux come gli abitanti della cittadina di Orano abbiamo gestito e vissuto l’epidemia. Ecco perché questa può essere definita una storia contemporanea, in quanto nella lettura si possono trovare dei parallelismi con la grande emergenza con cui si sta convivendo  negli ultimi anni. COVID19 e peste sono dunque accomunati dall’aver lasciato un segno indelebile nella storia.

“La Peste” è  uno dei testi più noti di Albert Camus, il quale nato in Algeria ha conseguito una laurea in filosofia e ottenuto poi diversi lavori come attore e giornalista.

La cronaca è sicuramente interessante e la lettura è resa più piacevole per via dello stile utilizzato dall’autore, vi sono infatti numerose informazioni che descrivono nel dettaglio i particolari aspetti del periodo di emergenza vissuto dai personaggi.

Ed inoltre è stato bello percepire durante la lettura di tutto il libro il cambiamento continuo che va dall’inizio alla fine della durata dell’epidemia. La seguente evoluzione è compresa tra la metà di aprile dove inizia la narrazione e il febbraio seguente dove invece lo scenario delle porte della città finalmente riaperte definisce il ritorno ad un clima più “normale”.

Gli abitanti di Orano così come i cittadini del mondo attuale hanno acquisito maggiore consapevolezza con il passare del tempo. Se in un primo momento in entrambe le situazioni, vi erano ancora persone che non accettavano la realtà e che continuavano a vivere la quotidianità senza prendere provvedimenti adeguati, successivamente nella maggioranza dei casi le persone si sono rese conto delle gravi problematiche che entrambe le epidemie potevano portare, diventando più solidali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *