La Peste, Un libro tante scuole

La natura umana non cambia mai


Maria Chiara La Rocca


Gruppo di lettura

5D Linguistico liceo Calasanzio

L’opera di Albert Camus “La peste” narra le vicende di una città algerina, Orano, improvvisamente colpita da una malattia estremamente contagiosa, che causa l’isolamento della città e la messa in atto di dure misure di prevenzione per la sicurezza dei cittadini. Il narratore e protagonista è un medico, Rieux, che descrive l’andamento dell’epidemia attraverso il suo punto di vista. Sono rimasta estremamente colpita dal tono profetico dell’autore e dalle somiglianze con gli avvenimenti vissuti e le sensazioni provate dalla nostra società a distanza di decenni. Camus ci insegna che la natura umana non cambia mai e di fronte alla paura e all’incertezza ci aggrappiamo agli affetti più vicini, alle piccole cose della routine in cerca di normalità, reagendo allo stesso modo al dolore e alla perdita, alla limitazione della libertà. Penso che la pandemia, così come la peste di Camus, ci insegni a cercare la felicità nelle piccole cose, ad apprezzare e vivere appieno ogni momento di spensieratezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *