Parole che fanno bene, parole che fanno male

Sentirsi a casa


Classe 2D - IC8 - Forlì


 

Io di solito uso delle parole che fanno bene,ma qualche volta me ne scappano alcune inopportune e che non servono all’interno di alcuni contesti.

Non ci provo gusto a prendere in giro le altre persone, non è per dire che non lo faccio, ma dopo però chiedo scusa anche se non tutte le persone lo accettano.

Secondo me per far sentire a casa propria una persona bisogna renderla felice: scherzando,chiacchierando, giocando, guardando la tv o facendola sentire parte della nostra famiglia,soprattutto aiutandola nei momenti del bisogno. Per fare questo condividerei con lei le mie cose, i miei giochi, la mia stanza e magari le cucinerei i piatti che le piacciono o le farei decidere i giochi da fare o i programmi televisivi da guardare assieme.

Per me sentirsi a casa significa essere felice, compreso e amato dalla propria famiglia tutto questo scherzando, facendo la lotta del solletico, vedendo i film giocando a basket o calcio, con i lego o  con la play station.   Oltre a questo il sentirsi a casa per me significa anche essere consolato e aiutato nei momenti difficili; ad esempio quando prendo un brutto voto i miei mi incoraggiano a studiare per rimediare dicendomi di fare del mio meglio la volta successiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.