20 maggio 2022, Cronache, Salone del Libro 2022

Le donne e il loro ruolo essenziale in Omero


Viola Andrea Cesale, Gaia Cappelli, Redazione Liceo Alfieri


Elena e Penelope sono davvero così diverse come crediamo? Questa è la domanda a cui cerca di rispondere il professore Giorgio Ieranò, ospite il 20 maggio al SalTo 2022, nel suo ultimo saggio Elena e Penelope. Infedeltà e matrimonio, edito Einaudi. 

Durante l’incontro, insieme all’intervistatrice Valeria Parrella, l’autore esplora due donne capisaldi della mitologia greca, da millenni appiattite nello stereotipo in cui sono state incasellate: Penelope modello di fedeltà, Elena di sensualità e tradimento. Attraverso l’analisi filologica dei classici greci e latini e il confronto tra le varie rappresentazioni dei due personaggi, Ieranò si appresta a un’opera di decostruzione di questi luoghi comuni: Elena e Penelope hanno infatti numerose sfaccettature e personalità complesse. 

Elena nell’Iliade assume il ruolo di narratrice, che tesse la trama delle vicende ed è lei stessa che pronuncia i versi conclusivi del poema anche se è una donna fragile. Andando oltre la narrazione omerica, si scopre che non è solo un’adultera, ma che invece ha vissuto anni di matrimonio felice con Menelao. Nel saggio di Ieranò Penelope perde il carattere passivo attribuitole dalla società e in particolare dalla religione cristiana, ma prende “il boccino della situazione” e si dimostra una donna astuta e intelligente non meno del marito Ulisse. 

La tesi esposta da Ieranò si discosta profondamente dalla chiave di lettura maschile dei poemi omerici, ma li analizza in una prospettiva strettamente femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.