17 ottobre 2021, Cronache, Salone del libro 2021

Kobane Calling: dal fumetto all’audiolibro


Gabriele Ziino, Liceo Alfieri


«Quando senti RATATATA, è ISIS

Quando senti TUM.TUM.TUM. siamo noi»

« E SBOOOM?»

«SBOOOM dipende.

Fuoco e poi SBOOOM è americani.

SBOOOM e basta è ISIS»

Inizia così il nuovo audiolibro intitolato Kobane Calling, creato da Michele Rech, in arte Zerocalcare, ed Emanuela Fanelli.

Il fumettista e l’attrice sono stati ospiti nell’Auditorium del Salone Internazionale del Libro di Torino in occasione dell’uscita del loro nuovo progetto uscita su Storytel il 15 ottobre 2021.

L’audiolibro è stato realizzato partendo dal fumetto omonimo di Zerocalcare realizzato nel 2015: la graphic novel era stata creata dopo un viaggio in Kurdistan realmente compiuto dal fumettista, della quale tutti gli elementi presenti sono frutto della sua esperienza.     

La graphic novel, in collaborazione con Storytel e Bao, vuole raccontare la guerra in Kurdistan e della situazione nella quale la popolazione curda vive, tra combattimenti continui delle truppe americane contro quelle dell’Isis.

La realizzazione dell’audiolibro non è stata facile: la pandemia non ha permesso ai due artisti di incontrarsi e la collaborazione è avvenuta a distanza; inoltre l’esperienza del doppiaggio era nuova per entrambi.

É molto più simile a doppiare un cartone che leggere un libro” afferma Emanuela Fanelli, parlando proprio del doppiaggio

Il fumetto è indirizzato a chi non è bene informato sulla questione curda, e a proposito di ciò Zerocalcare ha sottolineato le differenze tra le persone che vivono in un territorio di guerra e quelle che non l’hanno mai conosciuta: “Noi italiani abbiamo uno sguardo molto egocentrico, invece chi abita là vive diversamente, le bombe che scoppiano sono cose normali”.

Fanelli, invece, ha voluto riflettere sulla questione femminile: “Noi pensiamo al problema del regalo dei fiori, di chi paga il conto al ristorante tra l’uomo e la donna, del salario disuguale, ma tutto ciò sembra nulla nei confronti di chi fa la guerra e di chi vive in quel contesto. Pensiamo che loro siano più arretrati, ma abbiamo molto da imparare da loro”.

Questo audiolibro può essere un mezzo per conoscere la realtà che sta vivendo la popolazione curda in chiave spiritosa e umoristica, caratteristica che Zerocalcare fa emergere in tutti i suoi fumetti.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *