L'Europa ancora da scrivere

Un decalogo per un’Europa giovane e sana


Nome degli autori o della classe: Classe 3^B indirizzo SSAS


1° - Spazio ai giovani

In tutti i contesti lavorativi devono esserci delle “quote primavera”, cioè l’UE deve offrire un contributo alle ditte che assumono giovani senza esperienza (16-25 anni)  per un tirocinio pagato (compenso minimo fissato a livello europeo).

2° - Per un'Europa meno inquinata

Promuovere l’uso di mezzi non inquinanti: monopattini gratuiti dai 18 ai 25 anni, agevolazioni per il bike sharing e incremento delle piste ciclabili. Contributi europei per l’acquisto di auto elettriche.

3° - Offrire a tutti un'opportunità

L’UE deve patrocinare delle borse di studio negli stati membri per consentire ai ragazzi provenienti da famiglie a basso reddito (indicatore ISEE) di accedere a tutti i percorsi scolastici.

4° - Abbattere l'uso della plastica

Sostituire il packaging dei prodotti alimentari con materiali biodegradabili; mettere a disposizione a costo agevolato delle borracce presso punti di distribuzione dell’acqua pubblica appositamente creati.

5° - Più abbracci, meno schiaffi

Munire tutti gli ospedali di un luogo sicuro apposito per le donne e le famiglie che hanno subito violenza nel proprio domicilio. Questo luogo deve essere presidiato dalle Forze dell’Ordine.

6° - Rispetto per la diversità

Tra le condizioni per entrare o rimanere all’interno dell’UE deve essere presente quella che prevede una legge dello Stato con cui si tutelino tutti i gruppi sociali soggetti a discriminazione per genere, orientamento sessuale, identità di genere e disabilità.

7° - Abbattere i costi delle sepolture

Per molte persone i costi delle sepolture sono proibitivi, ma tutti muoiono, ricchi e poveri. Occorre diminuire i costi delle pratiche di sepoltura, rendendoli più accessibili a tutti e velocizzare e snellire anche le procedure per lo svolgimento del funerale.

8° - Diritto per tutti di accesso alla maternità surrogata

Evitare pregiudizi e stereotipi, omofobia, razzismo e tutte le altre possibili discriminazioni in relazione a questa pratica, rendendola accessibile e sicura per tutti.

9° - Aiutare le persone bisognose

Lo Stato, ogni 3 mesi, si fa carico di organizzare nei capoluoghi di regione una giornata dedicata alla raccolta di vestiti, giochi e libri usati che poi darà alle associazioni di volontariato presenti sul territorio e che si occupano di persone bisognose.

10° - Sì agli emigrati

Elaborazione di una legislazione specifica condivisa tra gli stati membri per l’integrazione nel mondo del lavoro degli immigrati aventi diritto. -Fornire aiuti economici e una dimora fin quando non verranno inseriti nella società. -Fornire uno studio della lingua del paese in cui migrano.

Siamo la classe 3^B indirizzo SSAS dell’Istituto Superiore Bosso-Monti. Il nostro decalogo è una raccolta di sogni per un’Europa futura a misura di giovani, aperta e sana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *