L'Europa ancora da scrivere

2IL Liceo Linguistico Mamiani-Pesaro Un decalogo per l’Europa


2 I L Liceo Linguistico Mamiani


1° - Diritti

Garantire pari diritti a tutte le persone senza distinzioni di etnia, religione, condizione sociale, disabilità, orientamento sessuale, genere, provenienza geografica.

 

2° - Salute

Un’Europa dove il diritto alla salute e al ben-essere siano posti al primo posto e vengano garantiti a tutti.

Un ‘Europa in cui le strutture sanitarie vengano potenziate (ad esempio gli ospedali per evitare collassi se si verificheranno altre pandemie) e distribuite nei territori.

Un’Europa dove si investa nella ricerca medica per liberarla dai finanziamenti privati che la dirigono per ricavarne profitti.

Un’ Europa che garantisca il diritto all’eutanasia.

3° - Valori e regole

Valorizzare e apprezzare le culture di ogni singolo paese europeo. Far rispettare le regole comuni che devono essere osservate da tutti senza eccezioni.

4° - Ambiente

Un’Europa basata sull’economia circolare, dove ci sia rispetto dell’ambiente e dove si possa effettuare il riciclaggio dei rifiuti con molta facilità.

Una politica energetica incentrata sull’uso di energie rinnovabili, favorendo l’utilizzo di macchine elettriche e pale eoliche come fonte di energia, ma che favorisca anche l’uso di mezzi sostenibili come la bicicletta

5° - Sensibilizzazione

Sensibilizzazione e politica ambientale incentrata su:  salvaguardia dell’ambiente, campagne di ripopolamento forestale, trasparenza sulla provenienza delle energie usate.

6° - Acqua

Tutela, salvaguardia, rispetto, equo accesso alla risorsa acqua.

7° - Solidarietà

Far nascere una società dove solidarietà, empatia, rispetto ed uguaglianza tra cittadini siano all’ordine del giorno. Aiutare chi ha meno da parte di chi ha di più, la solidarietà, infatti, è il mezzo fondamentale per il miglioramento generale di tutta la società.

Impegnarsi ad agire per il cambiamento, le parole sono importanti ma le azioni modificano la storia, ciascuno deve dare il suo contributo.

 

8° - Collaborazione tra Stati

Maggior collaborazione, partecipazione e unità tra stati membri.

I problemi di ogni stato membro devono essere discussi nel parlamento europeo, saper accogliere proposte e trovare soluzioni comuni; garantire pace tra nazioni e all’interno di esse; creare fondo economico per andare incontro alla disoccupazione, alle crisi economiche e problemi di vario tipo.

Prendere esempio da città/paesi che hanno adottato best practices in settori quali  ambiente (Copenaghen, città sostenibile), scuola (Finlandia), accoglienza rifugiati (Germania) così da prendere provvedimenti affini.

9° - Educazione e cultura

Garantire a tutti gli studenti formazione per quanto riguarda cittadinanza nazionale ed europea: solo così si comprende la realtà che ci circonda, il proprio ruolo,  l’importanza di far parte di una comunità ampia e per comprenderlo è necessario essere informati.

Promuovere e credere nella scienza, e nella conoscenza, come base di partenza per qualunque ragionamento. Promuovere la cultura e l’arte in generale perché fondamentali per l’essere umano.

10° - Unità

Di fronte a questioni di politica estera, far sì che Europa si identifichi come unica nazione e abbia una sola voce.

L’Europa come un orchestra, un coro di voci. Ogni elemento ha la sua voce, le sue caratteristiche diverse uno dall’altro, ma necessarie a comporre una sinfonia che tutti (ma proprio tutti) possano ascoltare per vivere armonicamente insieme rispettandosi e promuovendo il ben-essere (per tutti..ma proprio tutti). Ecco il nostro decalogo elaborato da un lavoro collaborativo e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *