La Peste

Le sensazione de La peste


Pietro Iodice 3B rim


Ho trovato il libro molto interessante e capace di trasmettere sensazioni. La cosa che mi ha colpito di più in assoluto è stata la capacità di coinvolgere da parte dell’autore attraverso una tipologia di scrittura che personalmente mi piace molto in quanto dettagliata e che trovo particolarmente riflessiva, riuscivo quasi a sentire e a provare l’ansia e la paura di quei momenti di cui racconta Camus e data la nostra esperienza recentemente vissuta, potevo immedesimarmi ancora di più nei personaggi; vivevo indirettamente quelle situazioni descritte. L’autore racconta infatti di un clima di paura generale, nessuno sa cosa fare e ognuno è diffidente dal altro, perfino dalle persone più intime, cosa che è comparabile a ciò che è successo a noi nell’ultimo periodo, con le persone in preda al panico e la nazione non pronta ad affrontare un emergenza simile. In generale il libro mi è piaciuto molto soprattutto in quanto attuale, non tanto per l’ambientazione ai giorni nostri, ma perché, come citato in precedenza, i diversi scenari, nonostante gli anni di differenza, sotto molto aspetti, rimangono simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *