Adotta uno scrittore

L’incontro della 3 R dell’IIS “Sella – Aalto – Lagrange”, sede associata “Lagrange”, con Alessia Gazzola è stato una “Questione di Costanza”


Nome degli autori o della classe: 3 R dell’IIS “Sella – Aalto – Lagrange”


Autrice/autore adottato

Alessia Gazzola

Una cosa che ti ha colpito

La ringrazio per tutti i valori che mi ha trasmesso in questi incontri che sicuramente custodirò, le auguro il meglio…peccato solo che non potrò più farle le mie domande strizzacervello.

La cosa più strana che è successa

Devo dire che non mi aspettavo così tanto dall’incontro con la scrittrice, specialmente per il fatto che è avvenuto tramite uno schermo, ma lei è riuscita lo stesso a trasmettermi la sua “bravura” e l’amore che mette nei suoi libri e nel suo lavoro.

Nella sua semplicità e modestia ha risposto a tutte le nostre domande e mi è rimasta molto come esperienza, anche perché la conoscevo già per alcuni dei suoi romanzi.

Io non sono un’amante dei libri e del leggere, ma per come lei ci ha reso partecipi del suo “piccolo ma grande” mondo della scrittura, mi ha fatto venir voglia di crearmene uno tutto mio.

Una cosa che hai scoperto

Ho avuto grande piacere ad ascoltare il suo intervento….. e su molte delle sue opinioni mi sono ritrovata d’accordo.

Ho riflettuto tanto sul fatto che la lettura permetta di viaggiare nel tempo e nello spazio, sul fatto che al giorno d’ oggi molti preferiscano navigare in internet piuttosto che immergersi in un libro.

L’incontro con lei, anche se in modalità on line, mi ha fornito diversi spunti di riflessione, e credo di poter dire con certezza che mi ha arricchito.

La ringrazio per averci donato un po’ della sua esperienza e saggezza.

C’è una domanda che non hai/avete fatto, ma che avresti voluto fare?

Grazie mille per questa esperienza, ho capito molto.
Ho capito che ogni scrittore è diverso e ho capito che La scrittrice è molto diversa e a me piace molto, mi ha fatto Piacere ascoltarla. E spero che ci sarà un’altra attività come Questa.

Questo il titolo del libro della scrittrice Alessia Gazzola che avremmo dovuto leggere questa primavera ma, che a causa della pandemia, è arrivato a scuola solo nel mese di novembre, quando eravamo nuovamente in DAD. Ma questo non ci ha scoraggiati. Grazie davvero al Salone del libro per aver, nonostante tutto, portato avanti il progetto quando neanche io ci credevo più. Che dire di questa esperienza? Assolutamente qualcosa di unico. Anche se a distanza, ci è comunque arrivata la semplicità della scrittrice, che si è sempre dimostrata disponibile a rispondere alle domande degli studenti. E, tra le cose che ci hanno colpiti, c’è proprio questo: la “normalità” e la quotidianità di una persona che è diventata famosa non solo per i suoi libri, ma anche per la serie televisiva “L’allieva” tratta da questi suoi romanzi. Tre incontri che sono volati e che avremmo voluto che non finissero mai. Gli studenti hanno capito quanto sia importante la lettura non solo per arricchirsi culturalmente, ma anche per poter visitare ed esplorare altri mondi stando comodamente seduti sulla poltrona di casa propria. Grazie a questi incontri sicuramente guarderanno i libri con occhi nuovi e si avvicineranno ad essi con una nuova consapevolezza. E tutti noi non vediamo l’ora di tornare a scuola per avere finalmente tra le mani i libri che ci stanno aspettando e che ci chiedono solo di essere letti.