Tag "salone del libro 2016"

Disparità fra sessi nell’editoria: un fenomeno da combattere con la cultura

Si è appena concluso in Sala Romania del Salone Internazionale del Libro di Torino 2016, l’incontro “Donne in editoria: la necessità di fare rete”, che ha visto come ospiti Annarita Briganti, scrittrice e giornalista, Rosaria Carpinelli, editrice, Isabella Ferretti, anche lei editrice, e Ilaria Gaspari, scrittrice. Un incontro pieno di emozioni e scambi d’ opinione tra le personalità che sono intervenute, sostenendo che la figura della donna nel mondo editoriale

Abbattere le barriere con un libro

“E’ stato fortuito e fortunato” Così Sante Bandirali, che assieme a Caterina Ramonda ha moderato l’evento presso la Sala Romania del Salone del Libro 2016, descrive il suo incontro con i libri di Siobhan Dowd, scrittrice inglese di origini irlandesi deceduta nel 2007, tradotti per la prima volta in Italia dallo stesso Bandirali, cofondatore della casa editrice Uovonero. Nata nel 2010, la casa editrice ha tradotto e pubblicato 5 dei

Mettere a fuoco il presente: la questione siriana

“Dimentica tutto, noi siamo in esilio.” Shady Hamadi, giovane italo-siriano, è stato allontanato per la seconda volta dal suo Paese e da sempre si batte per instaurare un dialogo tra Siria ed Europa.Il suo desidero è quello di raccontare e far conoscere alla società occidentale la Siria, che, dopo quarant’anni di dittatura, tutt’ora non gode della libertà, costringendo i giovani a scappare per non imbracciare le armi. Oggi 6 milioni

Scribacchiando e robottando: alla scoperta della meccatronica elementare

Pile, circuiti elettrici e pennarelli: è questo ciò che i bambini dai 6 ai 13 anni possono trovare entrando nel Laboratorio Scienze Alfa. Lo scopo è semplice: costruire un robot che si muova e scriva da sé. Ma come fare? Sotto la guida di due giovani e pazienti ragazze, i piccoli scienziati iniziano a costruire con le loro mani queste intriganti macchine autonome. Si parte dalla realizzazione della struttura, utilizzando

Libri: cosa Vi rende magici?

È ovvio: Torino ha trovato l’arma vincente per far avvicinare le nuove generazioni alla lettura. Come? Tutti, dai più piccoli ai più grandi, alla domanda “ Che cosa ti colpisce di più del Bookstock village?” rispondono sempre “I colori!”. All’entrata i colori vengono riflessi da un enorme specchio davanti al quale si affollano gruppi di bambini e giovani per il tipico “selfie”. Eppure c’è un senso ben più profondo. Senza

Manca pochissimo

Ma tu ci sei mai stata al Salone del libro di Torino?, mi è stato chiesto diverse volte. No, mi dispiace, non ho ben presente come sia là, dovevo sempre rispondere. E, nel mentre, pensavo a come sarebbe stato, sapete, essere a Torino, partecipare, assistere agli incontri. Pensavo a questo immenso luogo popolato da persone che dell’arte più bella hanno fatto la propria vita. Scrittori, tutti differenti gli uni dagli

Un’esperienza, tante emozioni

Il Salone del libro di Torino è un’esperienza per crescere, per conoscere nuovi scrittori e scoprire le loro idee, per fare nuove amicizie, per visitare una nuova città e finalmente per mettersi alla prova come redattori di un blog che dà voce agli eventi della manifestazione in tempo reale: insomma, un’esperienza UNICA!!! Ma prima che tutto questo abbia inizio, cosa si prova?? Si prova entusiasmo, felicità, voglia di iniziare, ma

Crossover: l’incontro di due universi artistici

Grande protagonista del salone è il programma Crossover (riproposto anche nell’edizione 2016 grazie al successo riscosso nel 2015) che si impegna ad unire letteratura e fumetto per avvicinare due pubblici così diversi ma i fondo vicini. Ospiti d’eccezione sono Sergio Staino che insieme a Carlin Petrini presenta il suo ultimo lavoro di satira politica e un libro di fiabe illustrate insieme all’ex ministro Massimo Bray. Inoltre il Salone ospita il