Tag "salone del libro 2016"

Museo Egizio: un centro di ricerca dinamico

In occasione dell’uscita del volume “Museo Egizio”(Franco Cosimo,Panini Editore) e dell’inaugurazione dei nuovi  spazi allestiti durante l’ultimo anno, il Direttore e gli egittologi del Museo Egizio di Torino hanno tenuto una conferenza al Salone del Libro, durante la quale hanno raccontato la vita e il lavoro degli archeologi tra ricerca scientifica e campagne di scavo. Tema principale dell’incontro la divulgazione del rinnovamento della struttura che si propone ad un pubblico

“Il grande futuro”

“Il grande futuro”, questo è il titolo dell’ultimo libro scritto da Giuseppe Catozzella, scrittore e giornalista italiano, dopo il grande successo riscosso da “Non dirmi che hai paura”. Con queste due pubblicazioni l’autore intende denunciare l’impossibilità di un dialogo tra civiltà, che al giorno d’oggi sembra essere un’utopia.Per la realizzazione del suo progetto Catozzella ha vissuto per qualche mese in Somalia, luogo in cui, in seguito all’incontro di un giovane,

Tradurre il genio di David Foster Wallace

David Foster Wallace era uno scrittore che spiccava per l’uso poco convenzionale della sintassi e di forme colloquiali, a volte difficili da interpretare anche da parte dei suoi connazionali. Per un traduttore riuscire a trasmettere il concetto, mantenendo il ritmo e le risonanze della narrazione, sembra essere un’impresa difficilissima. Lo stesso Foster Wallace riteneva che un traduttore, in realtà, riuscisse solo a descrivere ciò che era realmente contenuto nei suoi libri. Le

Il linguaggio innovativo di Francesco

Papa Francesco è sicuramente un rivoluzionario, che sta portando all’interno della Chiesa moltissime innovazioni – non sempre ben accette – tra cui una riguardante il linguaggio. Benché questa componente possa sembrare non eccessivamente rilevante, Papa Francesco ha saputo sfruttarla a vantaggio della evangelizzazione, il cui messaggio è riuscito ad arrivare anche alle persone più distanti dalla religione, come ha fatto notare Eraldo Affinati che lavora quotidianamente a contatto con ragazzi

2084. La fine del mondo

2084 Quattro cifre che racchiudono un mondo di significati. A prima vista potrà sembrare la versione attualizzata del famosissimo libro di George Orwell e, in effetti, entrambi sono esempi di distopia. 2084. La fine del mondo è un romanzo forte che si aggiunge ai numerosi libri che fanno parte delle voci delle Anime arabe del Salone del Libro 2016. In Francia e in Algeria, Paese d’origine dell’autore, Boualem Sansal, il

La vera essenza di Calvino

“Ti potrò deludere ma sono ancora un bambino buono” Con questa frase Italo Calvino si definisce e presenta quella che è la vera essenza delle sue opere, illustrate con grande maestria nel nuovo libro di Carlo Ossola, presentato nella Sala Blu del Salone del Libro. Il saggio Italo Calvino. L’invisibile e il suo dove è un vero “concentrato”, come sostiene Gabriele Lolli, che racchiude in sole 90 pagine le 8877 pagine

La sfida delle periferie: l’opera di Botto&Bruno

Durante il secondo giorno del Salone Internazionale del Libro di Torino 2016 si è tenuto l’incontro “Alla ricerca dei luoghi: la sfida delle periferie” con due grandi ospiti, quali Marc Augè e Stefano Boeri, moderati da Federico Vercellone. Durante l’incontro i due ospiti hanno preso spunto dalla mostra “Society, you’re a crazy breed”, un progetto inedito degli artisti Botto&Bruno, a cura della Fondazione Merz, per trattare da un punto di vista

La tavola della pace

Quest’oggi si è tenuto l’incontro di presentazione del libro dal titolo Soup For Syria. L’autrice, Barbara Abdeni Massaad, è una fotografa libanese e ha raccolto circa ottanta ricette per un progetto iniziato quasi tre anni fa in seguito ad una massiccia immigrazione di siriani in Libano. Vedendo su tutti i telegiornali le immagini di questa situazione disastrosa, ha deciso di visitare il campo profughi di Beirut, che si trovava a

il volo attraverso il cosmo

Che cosa accadrebbe se attraversassimo un buco nero? Come morirà il Sole? E se arrivassimo alla fine dello spazio conosciuto cosa troveremmo oltre? Queste sono le domande a cui risponde Christophe Galfard: il francese dottorato in fisica teorica e allievo del grande Stephen Hawking è tra le personalità che meglio rappresentano una dei protagonisti di questa edizione del Salone del Libro, la scienza, con quegli studiosi che stanno promuovendo la divulgazione a

Interpretare. Dialogo tra un musicista e un giurista.

Cos’ hanno in comune Mario Brunello e Gustavo Zagrebelsky? Apparentemente nulla, uno è un noto violoncellista mentre l’altro un giurista costituzionale ma, nel nostro caso, i due sono uniti da un amore profondo per la musica e da un obiettivo comune: la ricerca di qualcosa. Il musicista è alla ricerca del bello, mentre il giurista del giusto. A prima vista, questi due lavori sono al quanto differenti, ma Brunello e