Tag "Erri De Luca"

Diavoli Custodi

Oggi, Domenica 8 Ottobre 2017, si è tenuta la seconda giornata dell’evento letterario torinese “Portici Di Carta”dove,nell’oratorio San Filippo Neri in via Maria Vittoria 5, è intervenuto l’autore Erri De Luca per presentare il suo libro “Diavoli Custodi”. La sua opera nasce dalla collaborazione con l’artista Alessandro Mendini. Essa narra trentasei racconti ad ognuno dei quali viene affiancato un disegno. La trama ricorrente in tutti i racconti è la difficoltà, l’incontro con

“Mani” di Fausto De Stefani: un dialogo con Erri De Luca e Mauro Corona

“Le mani parlano, anche molto meglio degli occhi o delle parole”, esordisce Fausto De Stefani parlando di “Mani”, il suo ultimo libro, presentato al Festival di Internazionale a Ferrara. L’autore racconta il suo rapporto con la manualità e le mani che hanno segnato le tappe fondamentali della sua vita: quelle della madre, deformate e causa di vergogna; quelle della figura paterna, sproporzionate rispetto al corpo esile; quelle di Mandelo, cantastorie di paese e

Erri De Luca racconta “La faccia delle nuvole”

Giovedì 12 maggio, nella Sala Gialla, Erri De Luca ha presentato il suo nuovo libro “La faccia delle Nuvole”. È stato Ernesto Ferrero a dare il bentornato a Erri nella sua casa, qui al salone, dove è stato ospite molte volte. La sua presenza è importante in un momento in cui la parola scritta si sta appiattendo, e si sta sviluppando sempre di più il traduttese: un italiano adattato all’inglese,

Storia di Irene. Le Storie dentro la Storia.

E’ uscito da pochissimi giorni il nuovo libro di Erri De Luca intitolato “La storia di Irene” ed ecco che l’autore ha la possibilità di presentarlo a Portici di Carta, di fronte a un pubblico ben coinvolto dalla sua ironia! Si tratta non di un romanzo, ma di tre racconti separati, tre Storie, come ama definirle l’autore: la prima è appunto “La storia di Irene”, la seconda “il cielo in una

Una chiacchierata con Erri de Luca

È stata una chiacchierata, quella con Erri De Luca, una chiacchierata sulla sua Napoli, una Napoli sospesa nel vuoto delle sue gallerie sotterranee fatte di pensieri e di tufo. Il tufo è appunto una delle sue “Parole Indelebili” che è anche il titolo dell’incontro che si è tenuto oggi nella Sala Gialla. ” I poteri stanno ai napoletani come l’intonaco sta al tufo: salta”. Dalle sue parole traspare un grande amore