“Fare astronomia ed esplorare l’universo intorno a noi è tra i più coraggiosi, folli e meravigliosi viaggi che abbiamo mai intrapreso come esseri umani alla ricerca di una risposta alle grandi domande della vita.” Questa è la frase con cui Adrian Fartade presenta il suo ultimo libro Su Nettuno piovono diamanti (Rizzoli), che a differenza del primo, A piedi nudi su Marte, tratta delle altre stranezze del sistema solare non spiegate nel volume precedente. In questo libro, molto approfondito, lo scrittore, youtuber e divulgatore spiega con un linguaggio semplice un viaggio da Giove a Ultima Thule. Durante l’incontro spiega che un signore giapponese ha investito dei soldi per mandare tra il 2024 e il 2025 8 artisti sulla Luna, in modo da poter descrivere l’esperienza da un altro punto di vista. Racconta infatti che gli ingegneri mandati finora, al ritorno dall’esperienza, non sono riusciti a definire cosa avessero provato poiché troppo stupiti.

Afferma anche che c’è un collegamento molto stretto tra moda e spazio. Infatti, si sta cercando di creare tute spaziali in grado di proiettare immagini che, come le ali delle farfalle, alla luce solare riflettono un solo pigmento. Un altro progetto dell’autore è creare un baule con oggetti importanti o esperienze fatte nella sua vita, che verrà successivamente riaperto nel 2257. Proprio per questa iniziativa, alla fine dell’incontro ha chiesto agli spettatori di scattare una foto assieme a lui, che successivamente finirà nel baule dei ricordi.

Silvia Pezzana e Alicia De Andres, scuola media Peyron