In occasione del Salone Internazionale del Libro, questo 10 Maggio 2018 centinaia di studenti, piemontesi e non solo, giungeranno a Torino per collaborare in diversi modi alla buona riuscita della manifestazione italiana più importante e influente nel campo editoriale. Questa iniziativa è stata sperimentata per la prima volta nove anni fa ed è stata apprezzata talmente tanto che anche quest’anno viene riproposta dando la possibilità anche agli universitari e non solo ai liceali di prenderne parte. Per i ragazzi la partecipazione attiva al Salone sarà il punto d’arrivo del loro prezioso percorso di Alternanza scuola-lavoro; infatti come lavoro preliminare i giovani partecipano a delle conferenze, tenute da esperti,incentrate su temi specifici, quest’anno per esempio si sono tenuti degli incontri sull’ organizzazione di eventi culturali, sull’arte del doppiaggio, sul mestiere di bibliotecario e molti altri. Tra loro saranno 150 i ragazzi che, in collaborazione con i giornalisti de La Stampa e i redattori di Topolino, contribuiranno alla redazione del Bookblog cioè il blog dedicato ai ragazzi che si differenzia dal sito ufficiale del Salone del Libro.
Se il Bookblog è il posto virtuale dove i ragazzi possono sentirsi veramente parte del Salone, il suo concreto corrispondente della realtà è il Bookstock Village cioè l’area del Salone, realizzata in collaborazione con la Compagnia di San Paolo, dove è possibile sperimentare la poesia, i fumetti, il cinema, l’arte e molto altro. Proprio in questo luogo i giovani porranno agli autori di libri per ragazzi alcune delle domande su cui si basa il Salone del Libro di quest’anno quali “ A chi appartiene il mondo?” oppure “ Chi voglio diventare?” che sono le questioni su cui si interrogano più frequentemente.

Martina Catino, Liceo Classico Vittorio Alfieri di Torino