Vincitore del Goldman Enviromental Prize 2013 ( anche conosciuto come premio Nobel per l’Ambiente ) e presidente dell’associazione Zero Waste Europe,  per la diffusione della strategia Rifiuti Zero, Rossano Ercolini , maestro di scuola elementare di Capannori , un piccolo paese Toscano in provincia di Lucca, ha presentato oggi il suo libro Non bruciamo il futuro al Salone Internazionale del Libro di Torino.

Una personalità energica e competente , spronata dalla voglia di migliorare il futuro dell’intera Europa, si presenta  semplicemente così, durante l’intervista con Andrea Vico, raccontando la sua storia. La storia della sua battaglia decennale vinta contro poteri fortissimi , facendo valere le sue idee e la sua politica, che lo ha portato al raggiungimento di traguardi importanti , come appunto il Nobel per l’ambiente, il più grande premio destinato all’attivismo ambientale, che lo ha resto noto in Italia e nel  mondo per l’impegno riguardante lo smaltimento dei rifiuti.

L’avventura di Rossano Ercolini inizia nel 1995, quando la regione Toscana  pianifica la costruzione di un nuovo inceneritore nei pressi di Capannori, suo paese natale.
Da quel momento in poi il maestro di scuola elementare decide di intervenire per il bene del territorio e dei suo giovani alunni con campagne di sensibilizzazione  e fondando l’associazione “Ambiente e Futuro” per promuovere e proporre iniziative alternative per la gestione dei rifiuti.

Insieme a Paul Connet, attivista e professore americano, Ercolini sfida apertamente i sistemi  politici e i poteri economici nazionali ed internazionali, portando saldamente avanti i suoi ideali, fino al raggiungimento, nel 2007 del suo obbiettivo: Capannori è il primo comune italiano ad adottare il metodo Zero Waste per lo smaltimento dei rifiuti. Una strategia di gestione dei rifiuti, che si propone di riprogettare la vita ciclica dei rifiuti considerati non come scarti, ma come risorse da riutilizzare come materie prime seconde.
Oggi sono più di  200 i comuni italiani aderenti alla strategia rifiuti zero , ed il metodo è in continua espansione.

Nel suo libro Rossano Ercolini ribadisce l’importanza di sensibilizzare la popolazione, insistendo sulla reale possibilità di migliorare il nostro stile di vita oggi e domani .
” La popolazione deve riuscire ad aprire gli occhi alla realtà e trovare delle soluzioni” .
Un uomo positivo ed ottimista che crede nelle potenzialità dell’uomo e della scienza e propone una leader-ship politica che deve agire prima che la popolazione si senta minacciata, sostenendo le proprie idee senza lasciarsi influenzare da questioni politiche ed economiche.
 ” In un periodo di crisi come oggi, la raccolta differenziata è una preziosa fonte di materie prime , dalla quale l’Italia può ricavare enormi ricchezze ” .

 

 

             Valentina Alberini

Liceo E. Torricelli, Bolzano