L’Arena è strapiena. Adulti e piccini ascoltano il noto cantautore Gianmaria Testa, conosciuto anche come “Gianmaria il ferroviere”, mentre canta “Ventimila Leghe in fondo al mare”.

Questa canzone, il cui testo è stato illustrato da Marco Lorenzetti per Gallucci ha un linguaggio molto semplice e caratteristico, adatto anche ai più piccini. Però, dietro la semplicità, nasconde un messaggio forte: i mari, come le persone, non si possono separare. Questo vuole essere un messaggio di salvezza, che può avvenire solo nel caso in cui questa sia collettiva. È una canzone sull’Italia di questi tempi, contro l’egoismo, ed è un messaggio che anche i bambini possono capire. Gianmaria ritiene che la sua sia una storia piuttosto triste, ma in qualche modo trasformabile in quanto il ritmo e la musica si prestano anche a uno sviluppo meno drammatico.

I disegni del libro sono molto colorati ma, a differenza di altri libri per bambini, sono molto dettagliati, ricchi di piccoli particolari: forse è proprio questo che ai più piccini piace, come ci dice Nicola, il figlio di Gianmaria: “Questo libro è bellissimo. Ci sono un sacco di sfumature!”

“Le parole sono musicali – dice Testa – e riescono a far scaturire una forte emozione che è come una grande scatola con all’interno i tanti pezzi di un puzzle. Mettendoli insieme nel giusto ordine si riesce a comporre il testo di una canzone. Qualche volta, inoltre, le parole riescono ancora ad essere forti, ad essere importanti e a significare qualche cosa. Sono fiero di averle scritte!”

please install flash

Eleonora Mantovani e Sara Tormena, SMS Caduti di Cefalonia

Sara, Tutor FuoriLegge