Magia interrotta, di Anne Fine (ospite attesissima al Bookstock Village per il Salone 2013), parla di Mel, una ragazzina di 11 anni amante dei libri a tal punto che continuerebbe a leggere ogni momento della sua vita, se solo potesse.

Un giorno, nella sua scuola, arriva una ragazzina di nome Imogen, in apparenza una tipa riservata ma Mel, pian piano, si accorge che in lei qualcosa non va. Tutti la tengono a distanza e ogni volta che si avvicina a un libro, sobbalza come se scottasse.

Col passare del tempo diventano molto amiche e Mel decide di svelare a Imogen di aver scoperto il suo segreto, tanto temuto dalla bambina e tanto amato dalla sua insolita madre, entusiasta per questa particolarità della figlia.

Solitamente si cercano solo libri per “creare” la magia, ma per distruggerla? Chi non vorrebbe dei poteri magici, dopotutto? Ma se questa magia potesse essere cattiva o potesse complicare molto la vita di una ragazzina?

Leggendo molti libri Mel riuscirà ad arrivare alla soluzione e, solo grazie al suo aiuto, Imogen, potrà fare una vita normale come andare in piscina senza essere isolata, uscire con le amiche e fare molte quelle cose che amano tutte le ragazze della sua età.

Il libro, proposto per bambini a partire dagli 8 anni, in realtà è piacevole anche per una tredicenne come me, infatti sono rimasta affascinata e divertita dalla storia e dal modo di scrivere di Anne Fine.

Magia Interrotta è pubblicato dalla casa editrice Salani nella collana Gl’Istrici

Irene Salamone,  3^H SMS Peyron, BookBlog Fuorilegge