È gennaio, si sono appena concluse le vacanze natalizie. Tra verifiche ed interrogazioni da concludere, espletamenti burocratrici di fine quadrimestre e riunioni varie tipiche della scuola mi  trovo sempre più spesso a controllare se ci sono novità sul progetto “Adotta uno scrittore”… Le notizie questa volta tardano ad arrivare ma finalmente il bando del progetto esce…  Partecipiamo! La scrittrice che adotteremo è Laura Calosso. Ci sentiamo prima per mail poi telefonicamente, prendiamo accordi sulle date e poi non ci resta che incontraci… Ogni volta che ho adottato uno scrittore l’esperienza per i miei ragazzi ( lo so loro non sono miei… Ma cosa volete che vi dica…)  è stata arricchente ed emozionante ma quest’anno l’idea che tutto si sarebbe concluso ha lasciato un po’ di amarezza. La presenza di Laura è diventata importante, accogliere un’amica, condividere con lei emozioni e sensazioni per tre settimane di fila è diventata non solo una routine ma una vera e propria esigenza. Nonostante Laura abbia dato molti spunti di riflessione partendo da testi letterari, non ha mai voluto essere protagonista dell’incontro, gli studenti seguivano le sue riflessioni parlando e facendosi domande a cui non sempre è stato facile rispondere… Una questione privata, Il giovane Holden, i diversi testi di Calvino e Camus, le discussioni sulla storia contemporanea ma sopratutto le esperienze personali di ciascuno, sono stati solo alcuni degli argomenti trattati: niente di scritto, nulla preparati a tavolino, solo tanta spontaneità! Grazie Laura per esserti lasciata adottare!!
Elena Pollon, docente della classe dell’Istituto Sergio Ronco di Trino Vercellese che ha adottato Laura Calosso