“Il PD è la più grande idea politica di questi anni a condizione che sia se stessa” questa è la frase di Walter Veltroni con cui si può sintetizzare la conferenza che ha tenuto oggi al Salone del Libro assieme al giornalista Massimo Gramellini.

Il PD nasce con la speranza di creare una maggioranza riformista con l’ambizione non solo di guidare il paese, ma anche di trasformarlo radicalmente. Nella conferenza si passa in rassegna la storia del PD: quali erano i suoi propositi, come si sono evoluti e come dovrebbe essere in futuro nell’ottica di Veltroni.

L’idea di partenza era quella di creare un partito in cui vi fossero persone provenienti dall’esperienza politica e non, era quella di “cambiare il mondo”, di non essere un partito come gli altri. Purtroppo, essendo l’aggregazione di più parti politiche, i propositi di partenza sono svaniti a causa di divisioni interne, questo ha portato alle dimissioni del politico.

Per mettere in atto un cambiamento servono ispirazione, profondità e visione; servono facce nuove spinte da una forte motivazione da uno spirito di condivisione e uno sguardo, una visione d’insieme. Come si può andare avanti? Con la consapevolezza che non si può fare tutto da soli, ma che è indispensabile uno sforzo comune, “Non con le isole, ma con un arcipelago”.

“Il cambiamento deve avvenire su un sistema di valori altrimenti ti dimentichi che la politica non è un fine, ma un mezzo”.

 

Ilaria Rossin, Francesco Tessari