Lettura del testo e commento dell’autore si sono alternate nell’incontro di Marco Tomatis che ha presentato il suo nuovo libro “Il sapore dell’ultima neve” Notes Edizioni.

Il libro narra la vicenda, ambientata nel 1915 alla vigilia dell’entrata in guerra dell’Italia, di Guido, un ragazzo di tredici anni. Figlio di un militare, è costretto per consuetudine familiare a frequentare il collegio, dal quale scappa perché di quell’ambiente detesta tutto. Per punizione dovrà trascorrere tutta l’estate a Castello, il paesino della zia Giulia. Qui incontrerà due cari amici Viola e Leo che, ormai adulti, lo aiuteranno a rendere meno noiose le giornate che trascorre in casa ad aspettare che la zia rientri dal lavoro. Infatti, seppur casualmente, Guido scoprirà la loro passione per il teatro e assisterà come spettatore alle prove dei loro spettacoli di marionette. Presto però le cose si complicheranno: la scoperta di un cadavere rivelerà molti segreti e metterà Guido a contatto con situazioni, che secondo la zia, non lo riguardano.

Nonostante l’ambientazione storica, la guerra funge solo da sfondo al tema principale, ovvero la crescita interiore del protagonista. “Potrei rispecchiarmi in tutti i personaggi” afferma Marco Tomatis “e per narrare questa vicenda, infatti,  ho preso spunto da una mia personale esperienza vissuta da ragazzo” .

Guido si troverà ad affrontare l’ultima nevicata primaverile che lo costringerà a ritornare indietro, a interrompere la sua fuga, ad affrontare la realtà e le situazioni difficili che lo attendono.

Un incontro davvero piacevole e Marco è stato molto disponibile con il pubblico rispondendo in modo esauriente alle domande.

 

 

Sofia Minelli, S.M.S. Caduti di Cefalonia