Il metodo della bomba atomica” è il romanzo che ha segnato il battesimo del cartaceo della giovane scrittrice Noemi Cuffia, già famosa per ciò che scrive sul suo blog ormai da anni.
La vicenda giallo-noir ha come fondale Torino e presenta una fuga verso la Liguria, meta tipica dei Torinesi negli anni ’60 ’70 ’80.

La protagonista, Celeste, è una blogger di fiori dietro cui si maschera l’autrice.
L’avventura si basa sul tentativo di Leone, il fidanzato della ragazza, di farla uscire dalla casa in cui si relega passando ore iperconnessa, ma sola, davanti al computer.
Il giovane per convincerla la persuade che ci sia una bomba atomica nell’edificio e che non sempre si possa stare a casa. La bomba non esiste di per sè, ma è una metafora per indicare i complicati meccanismi, in cui si trovano i personaggi, prossimi all’esplosione.

La conferenza

 

Il lettore sarà travolto da un accurato scavo psicologico e una avvincente storia d’azione, che coesistono nel romanzo.

Il libro è edito in LiberAria editrice, casa nata un anno fa, nella collana Meduse.

 

Alessandra Speziali e Maria Fresta, Liceo classico Vittorio Alfieri Torino