Oggi, 16 maggio, ha preso il via la mostra a cura di Piero Bianucci “L’idea divergente – strade e sentieri del progetto creativo” che mira a proiettare il pubblico nel futuro con la presentazione di oggetti tecnologici d’avanguardia. I talk guidati da nomi di spicco della ricerca (Maria A. Perino, Edoardo Calia e Gian Paolo Balboni) sono affiancati da una mostra che espone i frutti della ricerca con dimostrazioni dal vivo a scopo di favorire la confidenza dei visitatori del Salone con oggetti come robots e droni.

Un robot della Telecom

Dopo queste interessanti discussioni, possiamo quindi affermare che il Salone del Libro ha dato e darà, con queste “proiezioni nel futuro”, molta importanza al tema della creatività scientifica e tecnologica innovativa, permettendo a tutto il pubblico di mantenersi informato ed aggiornato.

 

Lo stand dei droni

Girando per la mostra, situata nel padiglione 5, si possono ammirare i figli della ricerca (robot, droni e automobili del futuro) accompagnati dai loro creatori che saranno orgogliosi di spiegare ad ognuno di voi il complicato meccanismo che permette ai loro oggetti di funzionare ed il loro scopo.

Alessandra Speziali e Maria Fresta, Liceo classico Vittorio Alfieri, Torino