“Per poter comprendere il mondo bisogna leggere” con queste parole Katherine Rundell ha aperto l’incontro di venerdì 15 maggio 2020 di questo Salone del Libro un po’ particolare. Invitata
da Eros Miari, che conduceva il collegamento, Katherine ha raccontato momenti legati alla propria infanzia. Fino ai dieci anni è vissuta in Zimbabwe a stretto contatto con la natura e con gli animali. Queste esperienze l’hanno segnata profondamente e le hanno fatto nascere il desiderio di trasmettere la straordinaria bellezza del mondo. E questo amore lo ritroviamo nei suoi romanzi che ci fanno viaggiare con la fantasia dagli immensi spazi africani in Capriole sotto il temporale alle
terre siberiane in La ragazza dei lupi, tutti editi da Rizzoli. Insieme a  Katherine erano in collegamento altri due ospiti: la climatologa Elisa Palazzi e Federico Taddia, autore di libri di divulgazione scientifica per ragazzi.
“Perché la Terra ha la febbre?”, pubblicato da editoriale scienza, è la domanda alla quale Elisa Palazzi ha cercato di dare risposte. Sul nostro pianeta, a causa del costante aumento dell’effetto serra e della deforestazione, sta avvenendo un esponenziale aumento della temperatura.
Contrariamente a quanto si è detto, questi mesi di riduzione delle emissioni dovuti al lockdown imposto dal coronavirus non hanno portato ad un cambiamento radicale perché le emissioni di
CO2 sono diminuite, ma non la concentrazione di gas serra. Infatti, come ha sottolineato Federico Taddia non bastano due mesi per cambiare le sorti del mondo, bensì è necessario un
cambiamento radicale delle nostre abitudini e un atteggiamento più responsabile da parte di tutti.

Livia Bonello, liceo classico Massimo D’Azeglio, blogger fuorilegge
Emma Manassero, liceo scientifico Galileo Ferraris, blogger fuorilegge
Stefano Lisa, liceo classico Vittorio Alfieri, blogger fuorilegge