Durante il percorso di alternanza scuola-lavoro affrontato quest’anno, abbiamo avuto la possibilità di lavorare per due settimane, dal 22 gennaio al 3 febbraio, presso la Libreria Riminese di Rimini.

Non avendo mai vissuto un’esperienza lavorativa, l’idea di rivestire il ruolo di libraie ci incuriosiva e affascinava data la nostra passione per questa realtà.
Entrando nella libreria un profumo di carta e libri usati ti avvolge, la sensazione che si prova è rilassante e sembra ti dia la possibilità di entrare in un mondo a sé, quasi come quando si indossano le cuffie e la musica blocca il passaggio di qualsiasi disturbo esterno.

Fin dal primo momento, Mirco, il proprietario della libreria, e la sua compagna Anna, ci hanno fatto sentire a nostro agio e con disponibilità e gentilezza ci hanno mostrato le varie categorie in cui è divisa la libreria.
Dopodichè hanno iniziato subito a spiegarci tutti gli aspetti di questo lavoro che abbiamo scoperto essere meraviglioso: non abbiamo interagito soltanto con la clientela ma siamo state impegnate anche nella parte più burocratica e, per così dire, meno conosciuta. Ogni giorno avevamo il compito di catalogare una sostanziosa quantità di libri e di nuove uscite, inserendoli nel software aziendale e in seguito posizionarli sugli appositi scaffali.

Il penultimo giorno di stage abbiamo avuto la possibilità di assistere all’organizzazione di un evento di presentazione di un libro.
Il 2 febbraio infatti l’assessore alla cultura della nostra città Massimo Pulini ha presentato il suo libro “Mal’occhio” riguardante il famoso pittore ferrarese del ‘600: Guercino.
In questa occasione abbiamo trasformato la sala principale della libreria in uno spazio di ascolto magico: le persone, oltre a usufruire delle sedie poste una accanto all’altra, potevano sedersi anche su un ripiano su cui solitamente sono esposti i libri.
Pensiamo non ci sia niente di meglio che fare incontri letterari all’interno di una libreria in cui l’atmosfera si fa ancora più affascinante; inoltre, quella sera fuori pioveva, il che rendeva tutto ancora più suggestivo.
Questa occasione è stata decisamente un modo perfetto per concludere queste due settimane positive.

Beatrice Pruccoli, Camilla Russo, Chiara Conti

Liceo Classico Giulio Cesare  IV B  Rimini