Cronache letterarie

Wagenbach: delizia del genere umano

La conferenza si apre con l’entrata dello stimato scrittore ed editore Klaus Wagenbach. Inizialmente ricorda la versione tedesca della regina Elisabetta: espressione severa e imperturbabile che in realtà nasconde un uomo socievole ed ironico. Accanto a lui due celebri scrittori italiani editi dalla sua casa editrice: Stefano Benni, Michela Murgia e il giornalista Ranieri Polese. Ormai veterano prende parte al Salone del Libro per presentare il suo ennesimo capolavoro: “La

Svivere: Francesco Targetta

“Spero che l’incontro abbia fatto uscire dal solco della svita almeno alcuni di questi ragazzi. Proprio perchè, oltre alla letteratura può essere utile anche la condivisione con gli altri.” Francesco Targhetta   “A quanto pare per Francesco Targhetta esistono degli antidoti allo svivere: la musica indipendente, quella non copiata ma vissuta, “La vita agra” di Bianciardi, la poesia, forma espressiva del suo romanzo.” Marina Cociglio, scuola Cavour   Foto di Ornella

Storie dal Cile

Oggi Sofia Gallo ha presentato La lunga notte, da lei definito un “piccolo grande libro”, in quanto è piccolo nel formato ma grande nella storia. Si narra di Pedro, un ragazzino di 11 anni, che vive le vicende dell’11 settembre 1973. La storia si sviluppa nell’arco di pochi giorni, in cui Pedro deve riuscire a fuggire dal Cile insieme alla madre e ai suoi amici. Una storia di amicizia, solidarietà e

Monetica: Angelo Ferracuti

“E’ una parola impossibile, perchè la moneta e l’etica combattono tra di loro, sono, a mio vedere, inconciliabili, e non possono crearne una nuova parola. Il potere del denaro è dilagante, basta vedere quella canaglia di Silvio Berlusconi che in questo paese si è comprato qualunque cosa” Angelo Ferracuti “Quella dell’intervista è stata una grande esperienza, formativa sotto tutti i punti di vista. E’ stato sicuramente un modo per mettermi

Una giungla senza alberi

“Giungla!”: l’incontro comincia gridando il titolo dello spettacolo che Roberto Anglisani e Maria Maglietta, attori di teatro, hanno trasformato in un libro bellissimo. Ma come pensare di ambientare “Il libro della giungla” in una città? “Tutto comincia alla Stazione Centrale di Milano – dice Roberto – È notte, intorno il deserto e altissime colonne che sembrano un bosco. Un ammasso di cartoni… sembrava una tana. Avevo in testa “Il libro

Unico e felice

Oggi al Laboratorio Selvaggio Janna Carioli e AntonGionata Ferrari hanno presentato Sono Unico, il loro ultimo libro illustrato per bambini. Leo, il protagonista, è figlio unico ma anche se non ha fratelli o sorelle non si sente solo. Ha infatti un sacco di amici e parenti con cui giocare e trascorrere il tempo. Questo simpatico e coloratissimo libro sfata il mito del figlio unico come un bambino solo, senza nessuno con

Le parole scappate

Tanti bambini, mille sorrisi. E così che si apre oggi l’incontro con Arianna Papini, autrice di “Le parole scappate”. Il tema fondamentale del libro è la memoria: i due protagoisti sono un bambino e la sua nonna. Lui non riesce ancora a leggere perfettamente e quindi spesso gli “sfuggono” le parole, l’anziana signora, soffre di alzheimer, quindi le perde, non ricorda né riconosce niente e nessuno. Qualche pagina di lettura dove

Viaggiare per far conoscere "in modo diverso"

Viaggiare, conoscere nuovi mondi e orizzonti, società diverse. Pericoloso? No!    “Viaggiare ti rende libero, ti permette di ammirare nuovi orizzonti e paesaggi, conoscere opinioni e culture differenti. Il pericolo è soggettivo, bisogna più che altro essere prudenti e pacifici nei confronti dell’umanità, portando rispetto agli altri.”                                              

Non perdiamo la speranza…i nostri sogni si possono realizzare

Oggi Cristina Brambilla ha presentato al Salone il suo ultimo libro “L’estate in cui caddero le stelle” edito da Mondadori. L’autrice inizia subito ad interagire con il pubblico in modo disinvolto, creando un’atmosfera vivace e coinvolgente e spiegando che fin da giovane credeva nei suoi sogni e faceva di tutto per realizzarli. Questo è quello che cerca di trasmettere anche a noi ragazzi. In particolare ci rivela che questo ultimo libro da

L’ homo sapiens alla conquista del pianeta

“Andiamo, cosa c’è più interessante dell’uomo? Non siamo curiosi di noi stessi?” Così Ian Tettersall ha dato inizio alla sua conferenza sull’homo sapiens. Per capire chi siamo,dice l’antropologo, bisogna innanzitutto conoscere la nostra storia. “Non è sorprendente che ci siamo differenziati dagli altri esseri viventi solo per l’uso della mente?! E’ questo infatti che ci condiziona quotidianamente dalla nascita.” La nostra specie ha mosso i primi passi nella sua culla,