Cronache letterarie

Scomparsa fra i boschi della Kamchatka

Julia Phillips, una delle più promettenti scrittrici contemporanee, ha ambientato il suo primo romanzo nella penisola russa della Kamchatka, regione caratterizzata da vulcani e clima rigido, i cui boschi sono abitati da orsi e i fiumi da salmoni. Il romanzo inizia con il rapimento di due sorelle, Alena e Sofija, e la tragedia viene riportata nell’immaginario comune. Ognuno dei dodici capitoli presenti nel romanzo racconta di un mese successivo alla

La bussola preziosa di Marshall

“Le 10 mappe che spiegano il mondo”, di Tim Marshall, è un viaggio fra i continenti sulle ali di dieci carte geografiche. Uscito nel 2015, è subito diventato un bestseller di fama mondiale acclamato dal “New York Times”. Portandoci in Russia, Cina, Nord America, Africa, Europa e altri Paesi ancora, ci racconta la geografia toccando la geopolitica, la sociologia e le trattative internazionali. Soffermandosi sulla cartina della Russia, Marshall spiega

L’odio è più antico dell’amore

Quest’anno, ospite d’eccezione alla cerimonia inaugurale della 21^ edizione della Festa del libro con gli autori è il noto psicanalista Massimo Recalcati. Dopo una breve introduzione di rito da parte di personaggi di rilievo nell’ambito della promozione e della organizzazione del Festival quali Michelangelo Agrusti, Giovanni Pavan, Tiziana Gibelli e Andrea Martella, con la partecipazione del sindaco della città di Pordenone, Alessandro Ciriani , ha avuto inizio la conferenza del

BookBlog virtualmente a Pordenonelegge 2020

Oggi riparte la scuola finalmente e anche tanti festival con la modalità ibrida a distanza e in presenza che caratterizza questa nuova era: riprendono anche le attività delle nostre giovani e dei nostri giovani giornalisti che seguiranno per voi il festival on line: non potevamo ancora per, ovvi ragioni di sicurezza,  farli partecipare in presenza ma i giovani, lo sappiamo, si trovano a loro agio con il digitale e dunque

C’era una volta il Salone Internazionale del Libro

Negli ultimi mesi tutto è cambiato, ed è cambiato così velocemente che non abbiamo avuto il tempo di dirgli “addio”. E così, c’era una volta il Salone Internazionale del Libro, affollato, rumoroso, emozionante. La frenesia che spesso odiavamo viene raccontata con un po’ di melanconia dalle generazioni di bloggers che l’hanno conosciuta. Il video finale del SalToEXTRA di quest’anno non è fatto delle solite “papere” dei bookbloggers, ma viene dal

Poivorrei ancora e per sempre il Salone

“Vorrei, vorrei, stare insieme a te, così, per sempre” cantava qualche anno fa la band di 50 special, i Lunapop. Unita a un po’di tipica melodia italica, questa canzone oggi suona ancora più malinconica e amara. Da un giorno all’altro la vita è cambiata radicalmente e sono tante le cose che vorremmo di nuovo: abitudini, attimi, oggetti, persone, emozioni ritenute una volta scontate, ora riscoperte essenziali.   Solo una settimana

Gifuni e il serio gioco del teatro

Nell’ultima serata dell’edizione del Salone Extra è intervenuto Fabrizio Gifuni, brillante attore e regista teatrale italiano. «Il gioco è la più seria delle attività umane» queste sono le parole con cui Gifuni ci spiega l’importanza del teatro, in particolare quello occidentale, nato ad Atene nell’antica Grecia, per poter affrontare le sfide estreme del nostro tempo. Gifuni rivela di essere stato colpito da due racconti: Edipo re di Sofocle e la narrazione dell’incontro tra Solone

Salone Amarcord…Un giorno di ordinaria redazione

Il Salone ti dà tanto e ti chiede tanto. Quando ti trovi sul fatidico treno, direzione Torino, sai semplicemente che dovrai assistere agli eventi del Salone del Libro e scrivere articoli per il Bookblog. È solo quando ti svegli il giorno successivo che realizzi che è tutto vero, che sei in una nuova città e che quella che ti attende è in tutto e per tutto un’avventura. La prima sfida

Salone Amarcord…Topothesìa di un’esperienza

“Lo spazio si pensa, i luoghi si abitano. Lo spazio si attraversa, nei luoghi si sosta. Lo spazio è l’astratto, il luogo il concreto. Tuttavia, il luogo non è solo uno spazio determinato, particolare, definito da coordinate precise. Il luogo è qualcosa che ha a che fare con la memoria, con le emozioni e con il desiderio. Come la città calviniana di Ersilia, i luoghi sono una trama intessuta di

Corona Game

Alessandro Baricco, notissimo intellettuale torinese, scrittore, saggista e fondatore della Scuola Holden di Torino, è stato ospite nell’ultima giornata del Salone Extra 2020. Il periodo di emergenza globale che stiamo affrontando viene definito da Baricco un “momento di prudenza, ma anche di audacia”. L’audacia di cui parla non è soltanto un sinonimo di coraggio, inteso come capacità di affrontare il nemico senza paura, ma assume il significato  di “brillantezza intellettuale e genialità”. In