Cronache letterarie

Un’esperienza non solo culturale, ma anche umana e personale

La normale esperienza della lettura nasce solitamente dalla prima pagina del libro e si spegne con l’ultima. Tutto termina così e ciò non sempre permette di cogliere al meglio tutte le sfaccettature e sfumature della storia e di ciò che lo scrittore vuole trasmettere. Questo evento invece ci ha permesso di andare oltre alla tradizionale e superficiale lettura di un romanzo: durante questi due giorni abbiamo avuto l’opportunità di conoscere

Tutte le cose belle giungono al termine

Per il secondo anno di seguito gli studenti del liceo scientifico Michelangelo Grigoletti di Pordenone hanno fatto parte della giuria scolastica del Premio Lattes Grinzane, per la sezione “Il germoglio”. L’esperienza ha avuto il suo culmine nelle attività connesse all’evento. Nella giornata di venerdì 11 ottobre 2019 i ragazzi si sono recati ad Alba per assistere alla lectio magistralis e alla premiazione ufficiale del vincitore della sezione “La quercia “

Un nuovo modo di guardare il passato

Nella mattinata di sabato 12 ottobre 2019, gli studenti delle scuole coinvolte nella nona edizione del premio Bottari Lattes Grinzane hanno assistito all’incontro con gli autori e hanno avuto l’opportunità di porre loro domande riguardo i libri in gara. Uno dei cinque finalisti era Roberto Alajmo con ‘L’estate del 78’. Lo scrittore, nato a Palermo, all’età di diciotto anni saluta inconsapevolmente per un’ultima volta sua madre nella caotica città: è

Ripararsi come esseri umani

Nell’incontro con l’autrice del libro finalista al premio Bottari Lattes Grinzane, Yewande Omotoso ha rivelato al giovane pubblico dettagli sulla stesura del suo romanzo, rispondendo alle domande postedal conduttore e scrittore, Alessandro Mari, e dai numerosi studenti presenti.“La signora della porta accanto” tratta del difficile rapporto tra due anziane signore residenti in un quartiere benestante di Città del Capo negli anni seguenti all’apartheid, separate tra le altre cose da reciproci

Il pianto silenzioso

13 agosto 1969. Maria Teresa Novara viene trovata morta nello scantinato di una vecchia cascina nelle Langhe: è il primo femminicidio di una minorenne nell’Italia repubblicana. Come la nebbia copre le colline di quel territorio, così ha fatto il silenzio per mezzo secolo con questa vicenda. Questo silenzio vive in simbiosi con il protagonista Domenico durante il suo estremo tentativo di riallacciare i rapporti con il padre, per tutta la

Un intrigo internazionale

Nella giornata di sabato 12 ottobre, gli studenti coinvolti nella nona edizione del Premio Lattes Grinzane hanno avuto l’opportunità di porre delle domande anche a Jean Echenoz, autore del romanzo “Inviata speciale”, pubblicato da Adelphi, tradotto da Federica e Lorenza Di Lella. Durante l’incontro è stata presentata brevemente la trama del libro che tratta del rapimento di una donna che viene obbligata a sedurre uno dei più influenti consiglieri della

Il vincitore è…

Il giorno 12 ottobre i 15 studenti della giuria studentesca del Liceo Scientifico Michelangelo Grigoletti si sono recati alla cerimonia di premiazione del Premio Lattes Grinzane sezione “Il Germoglio”, tenutasi presso il Castello di Grinzane Cavour. La cerimonia è iniziata alle 16:30 ed è stata presentata dalla giornalista, scrittrice e conduttrice, Loredana Lipperini. Inizialmente sono state introdotte la giuria tecnica e quella studentesca, composta dai 24 delegati delle giurie scelte

Cinque finalisti, un vincitore: presentazione

L’incontro con i cinque finalisti della sezione “Il Germoglio” del Premio Lattes Grinzane presentato dallo scrittore Alessandro Mori, si è tenuto il 12 ottobre a Monforte d’Alba, presenti gli studenti, i quali hanno contribuito alla nomina del vincitore, e il pubblico. Alessandro Perissinotto è il primo a raccontare e ad approfondire il suo libro: “Il Silenzio della Collina”. Racconta ai presenti di come ha ideato il suo romanzo, di come

Come un buon vino che fermenta

Tempo, ci vuole tempo, per far del vino per esempio, per farne di buono ne serve ancora di più, del barolo per dire. Tempo per fermentare e crescere, per il vino come per i romanzi, ma anche per gli stessi romanzieri. Scrittori che nascono da giovani lettori, romanzi che sgorgano da righe buttate di getto, eppure solamente dopo un lungo travaglio possono giungere ad una forma più completa, più solida.

Murakami: l’umanità nascosta dietro il grande scrittore dell’Estremo Oriente

Le luci in sala illuminano una figura minuta che con passi misurati si dirige verso un piccolo podio. Murakami, avvolto dall’alone mistico che caratterizza i cantastorie, i romanzieri, si appresta a leggere la sua “Lectio Magistralis”. Un discorso che danza al ritmo sincopato del jazz, raccontando, svelando, i segreti e i sentimenti della scrittura del grande autore giapponese. Il jazz è un tema ricorrente nella vita di Murakami, e lui