Posts From Redazione2018

Stay Strong. Le ragazze di Pontremoli

Da l’inserto speciale del Corriere della Sera La lettura con un approfondimento sul Salone del Libro di Torino 2018.  Potete vederlo nella versione web nell’articolo dedicato al progetto da La Lettura del Corriere della Sera La fotografia ed il giornalismo mi hanno portato in giro per il mondo durante anni. Sono stato una persona fortunata sin dalla nascita. La mia famiglia, pur non essendo perfetta, mi ha sempre sostenuto quando ne ho avuto bisogno.

Dalla Donna Angelicata alla donna rispettata

Dal mondo dell’editoria alla letteratura italiana e al suo valore odierno, al mondo di plastica, questi sono i temi emersi nell’incontro del 19 aprile con Francesco Pacifico. L’argomento che ha riscosso maggiore interesse è, però, quello del femminismo, sentito particolarmente in una classe composta prevalentemente da ragazze. Spesso le idee femministe sono considerate come una manifestazione di superiorità della donna rispetto all’uomo; in realtà non è nulla di tutto questo.

Intervista a Daniele Comberiati

Daniele Comberiati è Direttore della rivista «Crocevia» (Besa Ed.), semestrale dedicato a migrazioni e letteratura straniera, che ospita una sezione riservata alle autrici del Concorso Lingua Madre. Sarà relatore a uno degli incontri del Concorso Lingua Madre al Salone Internazionale del Libro. Gli abbiamo chiesto di rispondere a tre domande, per raccontare se stesso e la sua professione attraverso i libri. Quella che ne risulta è una piccola bibliografia personale,

L’Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci di Verzuolo incontra Marco Magnone

È stata sicuramente una piacevole sorpresa la conoscenza con lo scrittore Marco Magnone, da noi conosciuto presso la libreria La luna e i falò di Saluzzo lo scorso 17 aprile. Anche se, all’inizio, eravamo un po’ intimiditi, lui ci ha messo subito a nostro agio, presentandosi e raccontandoci qualcosa di lui. Abbiamo poi proseguito chiacchierando a proposito di Berlin e di vantaggi e difficoltà di scrivere a quattro mani. Abbiamo,

Un ponte fatto di storie, le nostre

Grazie al progetto “Adotta uno scrittore” sono stata ospitata per tre giorni dal Liceo Artistico “Renato Cottini” di Torino. Io il liceo artistico non l’ho mai fatto, eppure avrei voluto. Tanto. Poi la vita ti fa prendere strade che non pensavi e oggi scrivo e disegno le mie storie a fumetti. Allora ho capito che va bene così, che il percorso fatto è stato il migliore possibile. Adesso faccio il

Il liceo Contessa Tonelli Bellini di Novara incontra Giuseppe Genna

Alla cortese attenzione del Salone del Libro, Venerdì 13 aprile io e la mia classe abbiamo avuto l’onore di partecipare all’incontro con lo scrittore Giuseppe Genna. Inizialmente eravamo un po’ dubbiosi riguardo a questo incontro, perché a causa di alcuni impegni scolastici quali: verifiche, interrogazioni e gite e l’arrivo in ritardo del libro non avevamo fatto in tempo a leggerlo fino alla fine e quindi eravamo un po’ spaventati all’idea

Le macchine del tempo

Penso spesso, quando mi capita di ritornarvi, che le Università siano macchine del tempo per viaggiare negli anni Settanta. Gli studenti, i corpi eternamente giovani, le scritte sui muri, il desiderio  – mai sopito, mai cessato, se ci guardiamo dentro, ognuno di noi – di cambiare il mondo. Un’epoca terribile e felice, che coincide con la mia infanzia e quindi con la terra del ricordo, l’unica cui non si può

Siamo gli incontri che facciamo

Non è facile scrivere su “Adotta uno scrittore” quando sai che sarà l’ultima volta. E’ arrivato  infatti il tempo di lasciare la scuola, i ragazzi, il carcere minorile e tutte quelle figure che lo popolano e lo rendono vivo. Lascerò anche lo “scrittore” che ogni anno, da 10 anni, viene a trovarci, sempre diverso, sempre imprevedibile, con un carico di umanità, sensibilità e gentilezza che intacca i nostri esili equilibri.

Il 2° incontro con Sofia Gallo

23/04/2018 Libreria Il Cammello di Nichelino Sono appena rientrata a scuola dopo un infortunio. Non riesco ancora a camminare bene, ma non posso mancare oggi, non devo mancare. Mi faccio portare a scuola da una collega generosa e filantropa, saluto i ragazzi che mi accolgono come se fossi risuscitata e ci prepariamo euforici al secondo incontro con Sofia. Oggi, infatti, l’incontro non si tiene a scuola e forse, nelle mie

Fotografe e fotografie: una lettera a Helena Janeczek

Cara Helena, mi ricordo di quando fare una fotografia era una fatica. Il mio caschetto castano, liscissimo, e i ricci biondi di mio fratello cuocevano fino a scottare sotto il sole a picco sulla piazza vuota, la cattedrale alle nostre spalle. Dopo poco ci sembrava di sentire una goccia di sudore colare tra i capelli, ma non alzavamo la mano per grattarci. I nostri sorrisi si tiravano sempre di più,